Passa ai contenuti principali

Granola: ma perchè non l'ho provato prima?!?!?





Questa ricetta l'aveva raccontata un giorno la solita Nigella. Mi colpì moltissimo, ma c'erano ingredienti davvero irreperibili! Salsa di mele... melassa.. sciroppo di riso.... semi di girasole (non proprio irreperibili, ma nell'insieme non si poteva fare!)

Poi ho trovato la stessa ricetta sul libro Buon appetito America di Laurel Evans e mi sono resa conto che è una ricetta che prevede infinite varianti, che è una ricetta che si può fare con quello che si ha in casa, l'importante che ci sia avena e frutta secca (del tipo che preferite), un elemento legante (miele, melassa, sciroppo di riso...) qualche liquido et voilà, il gioco è fatto!!

Alla fine vi ritroverete con un muesli per la prima colazione davvero eccezionale!
Per comodità riporto la ricetta di Laurel Evans con le mie varianti (scelte in base a ciò che avevo in casa); Voi potrete ulteriormente variare.

Per comodità di narrazione ho diviso tra ingredienti secchi e ingredienti liquidi, ora vedrete perchè

Granola o Muesli di Laurel Evans

Elementi secchi
350 gr fiocchi d'avena
 30 gr mandorle a scaglie
 30 gr uvetta o altra frutta secca
Io ho usato semi di sesamo, mandorle, noci e per le dosi sono andata un po' a occhio.. a pugni ;)


Elementi liquidi
50 ml olio vegetale (io olio d'oliva.. e te pareva?)
50 ml sciroppo d'acero o miele (io melassa)
50 ml miele
35 ml acqua
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di cannella (l'ho dimenticata!)
1 cucchiaino estratto di vaniglia







Come potete vedere in una ciotola ci sono Gli elementi solidi e in una pentola i liquidi.
  • Fate bollire dolcemente i liquidi per pochi minuti e versateli sugli elementi solidi
  • Mescolate per bene
  • Versate in una teglia da forno capiente (lo strato deve essere sottile)
  • Cuocete per 10-15' a 165°











N.B: Laurel Evans versa il miscuglio di sciroppi solo sull'avena! Ma siccome io, come già detto ho seguito anche le indicazioni di Nigella, ho fatto come fa lei e mescolato tutto insieme.

Ho sbagliato però a mettere insieme anche l'uvetta, che si è carbonizzata!

Perciò, almeno quella, aggiungetela dopo la cottura ;)))

P.S: Se non usate melassa, ovviamente verrà più chiaro.



La mia colazione di stamattina... Con yogurt ai mirtilli..

Buona Domenica!!

Commenti

  1. Ciao ma lo sai da quanto tempo cerco una ricetta del genere? Ora la segno, la voglio assolutamente provare!
    Cosa mi dici del libro della Evans? Ti piace? Sono solo poco poco fissata con i libri, li vorrei tutti!
    Ciao
    Ps: Se riesci provi a togliere il codice captcha? E' quella scritta incomprensibile che viene chiesta ogni volta che vuoi pubblicare un commento. Nel mio blog sono riuscita ad eliminarla, dopo aver letto questo post: http://angolodidafneilgusto.blogspot.it/2012/02/eliminiamo-i-captcha-dai-nostri-blog.html
    Ciao e scusa se mi sono permessa di dirtelo e se mi sono dilungata tanto.
    Saluti Claudia

    RispondiElimina
  2. ciao claudia... non sapevo neanche che ci fosse il codice, anche a me disturba un po' quando lo trovo. Contenta che la ricetta ti sia piaciuta!

    RispondiElimina
  3. troppo buona questa preparazione!!!!!! baciiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  4. Bentornata Giulia!!!! :-)
    Noto con piacere che sei ripartita alla grande, mi fa davvero tanto piacere!
    Baci e...a presto!

    RispondiElimina
  5. Ciao ho appena vista che sei tornata , bentornata.

    RispondiElimina
  6. Ciaoooooooooooooooo, ti ho pensato ma dove sei finita???? cmq spero tutto bene, felice di rileggerti, a presto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno