Passa ai contenuti principali

Cheese Cake con panna acida

Ve la ricordate? Ci si possono fare tante cose... una delle migliori è questa! O almeno, lo è per i miei gusti! Premetto che per me le vere cheese cakes sono poche, solo quelle veramente acidule che qui in Italia è difficile riprodurre. Il motivo è che noi non abbiamo il formaggio adatto. Io mangio cheese cake da quando ero piccolissima, quando qui in Italia erano in pochi a conoscerla, per il semplice motivo che me le portavano le mie zie dalla Germania. Il Case Cuken tedesco  è fatto col quark ed è lui che gli dà quel tipico sapore, buonissimo, ottimo e inconfondibile!! Ma di cheese cake germaniche ci occuperemo un'altra volta... per ora parliamo di questa

















Questa premessa solo per dire che è difficile che io consideri cheese cake un buon dolce al formaggio, perchè ce ne sono pochi che mi riportano a quel gusto perfetto che io conoscevo, o almeno perfetto per me... sapete com'è, i ricordi dell'infanzia... Ebbene, una torta al formaggio di quelle che io considero ottima è questa qui, perchè c'è la panna acida che la rende speciale. La ricetta viene da Laura Ravaioli, ma io l'ho modificata un pochetto, poi vi dirò...


Cheese cake con panna acida

Per la base
  • 200 gr biscotti secchi
  • 100 gr burro
Fare il solito trito e rivestire una teglia da 26 cm ricoperta di carta forno. La carta-forno dev'essere incastrata tra la base della tortiera e l'anello amovibile. Mettere in frigo a solidificare

Ripieno
  • 500 gr formaggio cremoso
  • 500 ml panna acida
  • 100 gr zucchero
  • 4 uova
  • scorza e un po' di succo di limone
  • 2 cucchiai di semolino o farina
Mescolare il tutto e versare sulla base di biscotti. Infornare a 150° e cuocere per circa 90' - 100'.
Sformare possibilmente il giorno dopo.
Io l'ho servita con una salsa ai frutti di bosco. Ho preso una confezione di fruttini congelati e li ho cotti con un po' di zucchero. Conservare in frigo quando si sarà freddata.




E' davvero molto buona, per me, ovviamente. La ricetta originale prevedeva i digestive e più burro, quindi, fate un po' voi. Io ho aggiunto il semolino nell'impasto (altrimenti rimaneva troppo budinosa e l'aroma di limone, che secondo me ci sta benissimo). Ma questo è un dolce che sapete fare tutte, perciò regolatevi come credete... ;))

Commenti

  1. grazie Federica!! Si, è molto buona!

    RispondiElimina
  2. GIULIAAA!!!! che piacere ritrovarti..per caso leggendoti su ammodomio..ho scritto di te proprio nel mio ultimo post,sono proprio contenta di ..rivederti!
    ciao Ilaria

    RispondiElimina
  3. me ne mangerei un paio di fette al volo, con il tè... me la segno... anche se pensando alle feste che incombono, mi dovrei mettere già a dieta^^

    RispondiElimina
  4. Ma che bello tornare a leggerti!!!!! Decisdamente mi mancavi...e ovviamente anche le tue ricette ;-)

    buona giornata

    RispondiElimina
  5. panna acida = presente
    quark = andare al super a 100 m.
    il resto c'è
    (mi sa che la mia terza marmellata di arance amare attenderà :-))

    RispondiElimina
  6. Che bontà Giulia. Mi piace molto la panna acida nei dolci

    RispondiElimina
  7. da qualche tempo uso spesso la panna acida e i risultati sono sempre deliziosi! Prendo nota di questa tua meravigliosa cheesecake, buon we cara, un bacione !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno