Passa ai contenuti principali

Quarkstollen di Marco


    Una vecchia foto per una grande ricetta

Un dolce nordico, ormai entrato a far parte della vita di una meridionale convinta. Un modo per ricordare un caro amico.

      Non ho mai fatto nuove foto a questo dolce, non ne ho voglia, è talmente buono che tutti i vari fronzoli non aggiungerebbero niente.

Qui il link originale, con qualche notizia storica sul dolce.

    Non c'è molto da aggiungere, il dolce è buonissimo, si prepara a San Nicola (6 dicembre) per essere consumato a Natale


Riporto fedelmente la versione di Marco. Non preoccupatevi se non ci sono grandi spiegazioni, va tutto mescolato insieme ;)

Quarkstollen di Marco

farina 500 g
bustina di lievito chimico 1
zucchero 175 g
bustina di zucchero van. 1
sale qb
fiala di essenza di mandorle 1
rum 5 cucchiai
cardamomo in polvere 1 cucchiaio
uova grandi 2
burro 180 g
ricotta magra 250 g
uva passa 250 (zibibbo)
uva passa 125 (corinto)
mandorle tritate 150 g
cedrini 100 g

Per completare
burro fuso 100 g
zucchero a velo 150 g

Preparazione
Se non trovate l' uva di corinto, pazienza, usate 375 g di uva passa. Ammollatela nel rum, dopodiché mescolate tutti gli ingredienti esclusi gli ultimi 2. Fate una specie di pagnotta di forma ovale e disponetela sulla carta da forno. Col matterello praticate un avvallamento per il lungo (non so perché, ma è obbligatorio).

Cuocete un' ora a 180 gradi in forno preriscaldato. Sfornate e spennellate bene col burro fuso usandolo tutto, dopodiché spolverate con tutto lo zucchero a velo. Lasciate che si raffreddi, poi avvolgete in carta di alluminio e lasciate riposare al fresco fino a natale. I tedeschi lo mettono sul davanzale.



Alla prossima!!

Commenti

  1. conosco questo dolce e mi piace ma non immaginavo fosse così facile da fare!

    RispondiElimina
  2. Gli ingredienti perfetti per renderlo squisito!
    Grazie per la ricetta nordica e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Rico Stollen me gusta se parece mucho al pan de pascua chileno,te ha quedado estupendo,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  4. ahahahah se lo metto sul davanzale, stai tranquilla che per Natale trovo solo le briciole! Fra gatti, uccelli e ahimé anche qualche topolino, sono loro che fanno festa!
    E' una bella ricetta facile da fare, ora me la stampo!
    Grazie!

    RispondiElimina
  5. ma sai che non conosco affatto questo dolce? è facile, ma deve proprio riposare fino a Natale?

    RispondiElimina
  6. ottimo! Ne ho già una versione ed era ora di cambiare. Questa tua mi sembra molto golosa... non so se arriverà a natale! Ciao, buona serata

    RispondiElimina
  7. particolare il fatto di irrorarlo di burro...non conoscevo questo dolce ma deve essere una delizia! Mi fa piacere ci siamo ritrovate e che tu abbia notato un miglioramento nelle foto...ho cercato di curarle di più e ho cambiato macchina fotografica! baciotti!

    RispondiElimina
  8. Lucy, si, è proprio facile!!!

    Cuoredi sedano: grazie a te per la compagnia!

    Rosita è vero, conosco il pan di Pasqua!

    ely hai ragione!!! be, tienilo in qualsiasi altro posto fresco ;D

    faustidda, guarda che voglio anche la tua versione!

    kà, provalo e mi ringrazierai. Per i complimenti te li sei tutti meritati, ho visto miglioramenti notevoli!!



    RispondiElimina
  9. ho avuto la fortuna e l'onore di conoscere Marco appena in tempo prima che ci lasciasse. Ho un ricordo bellissimo del nostro pranzo a Chioggia(c'è il reportage nel mio blog), mi manca la sua ironia e il suo modo sanguigno me sempre corretto di affrontare qualunque discussione, ricordarlo con questo suo cavallo di battaglia me l'ha fatto ricordare, grazie Giulia!Buon we, un abbraccio..

    RispondiElimina
  10. Non l'ho mai fatto ma è da un bel po' che ho voglia di provarlo! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno