Passa ai contenuti principali

Chiacchiere... finalmente!!!!





E' il periodo di carnevale, no?!?! Quindi si frigge!!!!
   E si friggono ottimi dolci ;))) Le chiacchiere sono la cosa più tipica, si fanno in tutte le regioni, altri dolci sono maggiormente legati al territorio.

Questa è la ricetta che faccio sempre, mi trovo così bene che, anche quando me lo volevo imporre, non sono mai riuscita a cambiare o a provarne delle altre!! Quindi, a voi...




Chiacchiere dal libro Millericette 
500 gr farina
  4 uova
  1 cucchiaio di zucchero
buccia di limone grattugiata
limoncello q.b. aggiunto da me
Il procedimento è il solito, molto semplice: Si impasta tutto insieme, si fa riposare la pasta, la si stende e si tagliano le strisce come si preferisce. Friggere in abbondante olio di arachidi. Io di solito uso quello di oliva, ma le chiacchiere preferisco friggerle in olio di arachidi perchè, altrimenti, si scuriscono troppo.

Ed ora qualche considerazione:
  • fate mezza dose perchè, altrimenti, ne avrete una valanga!!!
  • Adoro questa ricetta!!!!!! A casa di mia madre ho l'edizione vecchia di Millericette (nel libro nuovo gli ingredienti sono diversi, più moderni :)) ed è stata una delle prime cose che ho preparato da sola verso i 12 anni
  • le strisce, in frittura, crescono molto, quindi mettetene poche alla volta nell'olio
  • quando preparate l'impasto aggiungete la buccia di limone quando la farina sarà già ben amalgamata con uova, zucchero, sale e limoncello; questo lo dico perchè ho notato che se mischiate la buccia di limone col limoncello, il profumo di limone svanisce

Credo di aver detto tutto! alla prossima e buon carnevale!!!

Commenti

  1. si w il carnevale e le sue frittelle, in tutte le salse, un bacio

    RispondiElimina
  2. Hanno un 'aria così friabile! Ne mangerei un vassoio! Brava..

    RispondiElimina
  3. Adoro le chiacchiere....di tutti i tipi.....le faro` prossimamente!
    farncesca

    RispondiElimina
  4. Buonissime...senza che carnevale è? :)

    RispondiElimina
  5. Avete proprio ragione... senza non è carnevale!! Inoltre voglio dirvi, controllate la cartella coi messaggi spam, io ne avevo uno, trovato ora.. che in effetti mi dava un po' fastidio. Infatti nella moderazione, c'erano 2 commenti che non sono stati pubblicati e mi dispiace!!!

    RispondiElimina
  6. Che buone Giulia, io mi ci faccio male..... Un bacio!

    RispondiElimina
  7. presente Giulia!!!! e che buoneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  8. Il millericette! È stato il mio primo libro di cucina negli anni' 60! Belle quelle chiacchiere!

    RispondiElimina
  9. Ciao Giulia,quando clicco il tuo "post piu' vecchi" mi appare della pubblicita',forse ha a che vedere con lo spam.Comunque niente problemi,eliminato il riquadro pubblicita',ritorna al tuo blog.
    Buonissime le chiacchiere,in Sardegna si chiamano meraviglie...
    Non vedo l'ora di papparle.Le friggo in un mix di olio e strutto,forse non e' sanissimo ma son cosi buone....
    Buona giornata,un bacio.

    RispondiElimina
  10. Davvero Bruna!!!???? E' stato anche il mio primo libro negli anni 80 :)))

    Edith, grazie per avermi avvisata, mi sa che sono invasa dai virus, il computer ultimamente vive di vita propria :DDDD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno