Passa ai contenuti principali

Cottura al vapore e verdure al forno

Si sa, dopo le festività natalizie dobbiamo stare un po' tutti a dieta, ma questo non vuol dire mangiare necessariamente roba insapore :) A mio avviso la cottura a vapore è l'ideale per mangiare cose gustose e genuine.
     Questo post non ha nessuna ricetta, volevo solo farvi vedere il mio metodo di cottura al vapore, visto che non ho la vaporiera e non credo che serva!





Ecco qui... una bella pentola con acqua calda e sopra un setaccio di quelli di metallo che si incastra alla perfezione! Incoperchiate e il gioco è fatto ;)
         Magari non vi sto dicendo niente di nuovo, ma non si sa mai....

Una volta cotte, queste belle carote e patate potrete condirle come più vi aggrada, oppure metterle in forno con abbondante cipolla, olio, sale e pepe e avrete un contorno coi fiocchi!



Qui le verdure sono crude


E qui invece le vedete cotte!!!
    Sarò banale ma io adoro questi piatti semplici, veloci e molto buoni!!!


Commenti

  1. Anch’io amo la cottura a vapore sana, leggera e gustosa , ormai non lesso più nulla.
    E con la passata in forno il tuo mix di verdure è davvero un contorno coi fiocchi :) Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Questi piatti, li adoro anch'io, vivrei di verdure al vapore!!!!!!!!
    Un bacione grandissimo!!!!!

    RispondiElimina
  3. Di necessità virtù ... se avessi aspettato il tuo consiglio del colapasta normale ... avrei risparmiato tanti soldini.
    Ma sai com'è, mi piacciono tanto tutte le cose di cucina e prima di acquisti in vestiti, borse e scarpe che non uso, preferisco avere qualche articolo di cucina.
    Mandi

    RispondiElimina
  4. In cucina di banale c'è ben poco.. pensa anche solo a un uovo al tegamino eehheh anche quello va fatto con arte :-) Bacio

    RispondiElimina
  5. mi piace questo metodo e poi in questi giorni light è d'obbligo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  6. E' quello che ci vuole per disintossicarci dalle feste. Bravissima.

    RispondiElimina
  7. Un must per il nuovo anno,almeno nel mio caso!
    Anch'io non ho la vaporiera ed uso il tuo stesso metodo,ci faccio di tutto,anche le melanzane ed il pollo intero!
    Sano e buono...
    Un bacione.

    RispondiElimina
  8. ciao Giulia:) proprio l'altro giorno ho preparato delle verdure a vapore.. sono squisite, di gran lunga migliori rispetto a quelle bollite e poi naturalmente sono sane e leggere e la cosa nn guasta affatto:)approvo al 100% bacione e vuona serata:**

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno