Passa ai contenuti principali

Crackers con rosmarino e sesamo




Questa ricetta l'ho vista qualche giorno fa su Arturo (canale 221 del digitale terrestre), preparata da Sara Papa. Nonostante la signora non mi convinca molto sulle sue capacità sull'arte bianca, devo però dire che le idee non le mancano, basta variare un po' le ricette.

         A me sembra che lei, di solito, metta troppi pochi liquidi negli impasti che sono sempre piuttosto duri e consistenti... Comunque, a parte qualche considerazione sulle ricette, devo dire che questi crackers sono squisiti e non necessitano di lievito, si fanno in mezz'ora!
     
         Ecco la ricetta con, tra parentesi, le mie variazioni

Crackers con rosmarino e sesamo
300 gr farina petra 1 (io farina 0)
  60 gr semi di sesamo (io ne ho usato, una manciata.. 60 gr mi sembravano troppi)
  10 gr rosmarini tritato (anche questi una manciata)
  70 ml olio d'oliva
100 ml vino bianco
  40 ml acqua (ho usato tutto vino)
   4 gr sale (non l'ho misurato, un bel pizzico)



L'impasto pronto.... bello vero?


L'impasto steso e messo in teglia. Poi con una rotella ci fate la forma dei crackers ;))

Infornare a 180° per 10' circa, state attenti, si rischia di bruciarli!!
Eccoli cotti


Mentre preparava l'impasto, la signora ha aggiunto peperoncino, origano... ma a me sembrava di mettere troppa carne al fuoco, mi sembrava che ne sarebbe venuto fuori un turbinio di sapori indefiniti...

Devo dire... Ottimi!!! Fateli!!



Commenti

  1. Grazie per averli,postati Giulia questi li copio, veloci nella preparazione, e non c'è bisogno di lievito

    RispondiElimina
  2. Molto sfiziosi, bravissima.

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. è da un po' che ho voglia di fare i crackers e i tuoi mi sembrano proprio perfetti e belli croccanti
    un bacione

    RispondiElimina
  4. Cavoli, che bella cosa i cracker s home made ! Brava Giulia

    RispondiElimina
  5. grazie a tutte!! Si sono molto buoni, ve li consiglio... e ci ho messo un niente a farli

    RispondiElimina
  6. Ottimi e grazie per averla segnalata nel tuo commento sono un tipo senza lievito da provare.
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Mi piacciono i crackers in generale : per uno spuntino, per l'aperitivo...Questi te li copio !
    Grazie per la ricetta .

    RispondiElimina
  8. Copiati ! Mi piacciono i crackers , sono multi-uso, e questi mi attirano: devono essere
    buoni .

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno