Passa ai contenuti principali

Marmellata di Castagne

E' un po' tardi per pubblicare questa ricetta, lo so... ma, non si sa mai, magari qualcuno riesce ancora a trovare delle buone castagne al mercato e ha voglia di provare questa bontà!!
        Unico problema in questa ricetta può essere la pelatura delle castagne, che io ho risolto in un modo che trovo molto efficace!
        Fate la solita croce a tutte le castagne (come si fa per le caldarroste) e tuffatele poche alla volta in acqua in ebollizione per pochi minuti! Se ne verranno molto facilmente sia la buccia esterna che la pellicina interna!




E ora la ricetta

Marmellata di castagne
500 gr di castagne già pulite come detto sopra
200 ml di acqua
300 gr zucchero
  • Schiacciare le castagne allo schiacciapatate
  • Mettere a cuocere tutti gli ingredienti insieme
  • Eventualmente aggiungere aroma vaniglia preferibilmente sotto forma di bacca
  • Mescolare continuamente perchè si attacca facilmente alla teglia
  • Dopo mezz'ora sarà pronta (ma regolatevi voi).
  • Invasare bollente!!!
Solo una foto perchè le altre erano pietose

Commenti

  1. La marmellata di castagne homemade mi mancava. Me la segno. Magari prossimo autunno si potrà fare :D

    RispondiElimina
  2. purtroppo non trovo più le castagne, ma a adoro questa confettura

    RispondiElimina
  3. Muy buena propuesta esta mermelada, me la apunto que a mi marido le encantan. bss Acaramelada

    RispondiElimina
  4. Può sempre essere utile! Io la adoro e mi piace anche dentro dolci e crostate :-) Bacioni!!

    RispondiElimina
  5. Brava Giulia, le marmellate sono un mio punto debole...non che non mi riescano ma è una cosa che non mi piace tanto fare...in compenso ho mia cognata che pur de magnare qualche dolcetto mi rifornisce di qualsiasi gusto le chieda! quindi questa di sicuro è una ricetta che passo a lei!!! buon week end!!!!!

    RispondiElimina
  6. Luce muy rico es una delicia al paladar me encanta ,abrazos y abrazos..

    RispondiElimina
  7. Effettivamente dalle mie parti non ci sono più castagne, però la tua marmellata ha un aspetto squisito. Ciao.

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. è troppo buona questa marmellata, mi conservo la ricetta per l'autunno perchè la voglio fare nonostante sappia che scocciatura sia pelare le castagne anche come hai fatto tu.
    Certi sacrifici però si fanno per queste bontà, magari anche per un solo vasetto.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  9. non l'ho mai fatta,me la segno per la prossima stagione, grazie e buona domenica pomeriggio !

    RispondiElimina
  10. E' una ricetta molto utile, considerato che della marmellata di castagne non si trova molto di attendibile. La tua deve essere veramente buona.

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti..
    Si Fabiano, molto buona.. soprattutto sono riuscita a farla restare cremosa :)

    RispondiElimina
  12. merci pour cette jolie recette que j'aime beaucoup
    bon dimanche

    RispondiElimina
  13. Mi è sempre piaciuta la marmellata di castagne.
    Un sapore unico e delicato.
    Brava e grazie per la ricette.
    Buona serata.
    Inco

    RispondiElimina
  14. Per la legge della compensazione, se le fotto sono pietose la marmellata sara strepitosa. Bella questa marmellata. Grazie. Ciao Giulia
    Stefania

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno