Passa ai contenuti principali

Ravioli con ricotta e patate





Post veloce per ricetta veloce. Quanto sia buono e delicato questo piatto, regalatomi da una mia amica polacca, non so descriverlo.. E' una delle preparazioni che preferisco!
       Piuttosto veloce per essere ravioli e gustoso da morire...
Gusti miei, ben inteso ; ))
Per la ricetta vado a occhio, comunque cercherò di darvi delle dosi.

Ravioli con patate e ricotta
Per la pasta all'uovo
2 uova
la farina che si prendono
Impastare e far riposare.

Ripieno
1 patata medio-grande lessa
l'equivalente di ricotta
sale
pepe
eventualmente un po' di uovo per legare
  • Schiacciare bene insieme la patata e la ricotta, condire e tenere da parte.
  • Stendere la pasta all'uovo e mettere dei mucchietti di impasto per fare i ravioli, utilizzando solo metà della pasta stesa
  • Ricoprire con l'altra metà e formare i ravioli con una rotella dentata
  • Mettere l'acqua a bollire e, in attesa, preparare il condimento
  • In una padella piuttosto larga versare del buon olio d'oliva e della cipolla affettata; Far appassire a fiamma molto dolce, la cipolla non deve bruciare
  • Cuocere i ravioli, versarli nella padella con l'olio e mescolare con accortezza
  • Servire

Queste dosi vanno bene per 3 o 4 persone... ma la fame era tanta e abbiamo mangiato in 2.
Buon appetito!

Commenti

  1. E' da parecchio che mi frullano in testa i tortelli di patate. Adesso che ho anche le dosi non resta che mettermi all'opera :) Un bacione

    RispondiElimina
  2. si usano in collina da noi, pero' credo mettano anche il parmigiano :) Sono buonissimi :)

    RispondiElimina
  3. Fede... devi provarli!

    Mari-angela.. col parmigiano sono di certo ottimi, ma questa è una ricetta polacca e loro accompagnano addirittura con panna acida ;)

    RispondiElimina
  4. Da provare assolutamente, complimenti!!!!!

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. sai che proprio oggi parlavamo di questi ravioli?!? un' amica è stata invitata per la vigilia di natale da una sua amica polacca e le ha fatto questi ravioli.. anche lei ha detto che sono molto buoni..non resta che provarli!

    RispondiElimina
  6. sono contenta di questa tua conferma, Marzia!

    RispondiElimina
  7. ciao giulia!che bello che il tag più cliccato è verdure! iov oto per le verdure sempre!!!!!grazie per avermi segnalato i buns, involontariamente dopo averli pubblicati li avevo rimessi come bozza..e quindi non si vedevano! baci!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno