Passa ai contenuti principali

Ancora Bullar!!!


Anche questo un vecchio post... non ho voglia di scriverne di nuovi ;)))




Non c'è niente da fare, li adoro!!!
E dopo aver trovato questa ricetta, li amo ancora di più!
E' una normale pasta brioche, ma diversa dalle altre, più soffice e profumata, grazie al cardamomo!! 
e poi... quella magnifica abitudine di arrotolare... Le si può farcire come si vuole, queste brioscine...
Riporto la ricetta per comodità e vi racconto le varianti di questa tornata ; )))


Impasto per panini dolci (ricetta tratta da questo bellissimo libro)
 1 cucchiaio capsule di cardamomo
300 ml latte intero
50 gr lievito di birra (io 12)
135 zucchero (anche meno)
150 burro
1 uovo
mezzo cucchiaino sale
660-700 gr farina (io uso farina 0 e ne serve poco più di 500 gr)
In un mortaio schiacciate le capsule di cardamomo e mettetele nel latte.
Riscaldate il latte senza bollire e lasciate il cardamomo in infusione.
Quando il latte si sarà un po' raffreddato, filtrare e aggiungere il burro (che si scioglierà), lo zucchero, il sale e, infine, l'uovo. Aggiungete la farina poco alla volta e fermatevi quando vi sembrerà sufficiente. Impastare bene e mettere a lievitare. 
Io ho diminuito molto le dosi di lievito e ho fatto lievitare in frigo tutta la notte. Al mattino, sul tardi, ho tirato fuori dal frigo e lasciato a temperatura ambiente per diverse ore.
Vi ritroverete così con un impasto che potrete utilizzare come meglio credete.




 Questi 3 vassoietti, di cui 2 regalati, contenevano 3 tipi di bullar ciascuno

1° ripieno, il classico
  • burro
  • zucchero grezzo di canna
  • cannella
Sono andata a occhio ;)



2° ripieno
  • burro
  • marmellata di ribes
3° ripieno
  • burro
  • marmellata di mirtilli
Entrambe le versioni una vera bontà. Le marmellate sono quelle comprate all'Ikea, molto più buone delle nostre ai vari frutti rossi... Assolutamente da provare!!

E poi la novità, 

Corona alle mele e mandorle
Metà dose di pasta briosce di cui la ricetta sopra
100 gr burro morbido
 50 gr zucchero di canna
una spolverata di cannella
100 gr di pasta di mandorle
  1 mela matura
Stendere l'impasto in un triangolo di circa 20x30 cm e cospargerlo con tutti gli ingredienti. Il burro non l'ho mescolato con lo zucchero, l'ho messo a fiocchetti. Quindi, burro, zucchero, pasta di mandorle sbriciolata, cannella, mela grattugiata. Arrotolare il tutto e disporre in uno stampo a ciambella di 24 cm di diametro.
Fare dei tagli in superficie e infornare a 200°


Questo dolce è davvero molto buono... per i miei gusti un po' troppo dolce, ma c'è gente che l'ha trovato spettacolare.. fate voi.
Ultima produzione della giornata, la classica forma a briosce, tonda, soffice e corposa.
Da mangiare sola, già ottima, o da farcire.


alla prossima e buona giornata a tutti!!!

Commenti

  1. Che tripudio.... Viene una voglia! Un bacione

    RispondiElimina
  2. Li rifaccio anche io domani mattina che mio marito.....li vuole per colazione ....che buoni....stavolta con la marmellata
    fra

    RispondiElimina
  3. Sono stupendi, non hai idea di che voglia di impastare mi abbiano trasmesso questi dolci. Bravissima Giulia!

    RispondiElimina
  4. Avevo apprezzato questo post e hai fatto bene a riproporlo per chi l'avesse perso.
    Ho cambiato blog, un macello!, mi farebbe piacere riaverti tra i miei lettori, li ho persi tutti!
    Ora sono qui
    http://iltempoincucina.blogspot.it/

    A presto, un abbraccio forte e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. troppo gentili!!! Ma si impastate che con questo tempo freddo è l'ideale!!!

    Dana, vengo subito da te!

    RispondiElimina
  6. look absolutely beautiful Giulia I love baking!!! ciao!!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia che bontà Giulia!Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. non li ho mai fatti, devono essere molto buoni, felice domenica !

    RispondiElimina
  9. Non ho mai provato a farli ma, visto che sono i miei preferiti, è ora che mi metta a lavoro e smetta di schiavizzare la mia vicina di casa xD

    RispondiElimina
  10. che meraviglia di lievitati, non saprei quale scegliere!

    RispondiElimina
  11. Mammamia che buonoooo !
    Grazie Giulia !
    Mandi

    RispondiElimina
  12. Un vassoio lo potevi regalare a noi!!! Gabry e Vincenzo

    RispondiElimina
  13. hei voi 2 anonimi... leggete bene, questo è un vecchio post... ;DDD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno