Passa ai contenuti principali

Migliaccio



In questi giorni si vedono tante ricette di migliaccio in giro per il web e questa cosa mi ha molto incuriosita.
     Conoscevo questo tipo di dolce, ma non l'avevo mai assaggiato. I commenti entusiasti mi hanno invogliato a provarlo ma, anzichè provare una delle tante e sicure ricette che avevo visto nei blog, mi sono affidata al mio vecchio libro di pasticceria napoletana. In questa ricetta c'è una fondamentale differenza con le ricette trovate via etere: al posto del semolino, prevede la farina di mais.

       Perché?
 Wikipedia ci dice che in origine questo dolce si faceva col miglio (donde il nome migliaccio) e che, col passar del tempo, gli ingredienti sono cambiati. non ho proseguito nella lettura. Come i napoletani siano giunti ad usare il semolino non è affar mio e, siccome avevo della farina Fioretto da consumare, ho deciso di seguire la ricetta del mio libro e vedere cosa ne usciva fuori ;)))

Quindi... a voi...

 

Migliaccio
Far bollire insieme

  • l,5 di acqua
  • stecca di cannella
  • buccia di limone grattugiata
  • buccia di mandarino grattugiata (questa l'ho aggiunta io)
  • 100 gr di zucchero
  • un po' di sale
  • 50 gr di burro
Portare quasi a bollore e aggiungere
  • gr 250 di farina di mais (io Fioretto)
Cuocere e mescolare per circa 45'. Se non volete passare tutto il tempo a mescolare, mettete la pentola sulla fiamma al minimo e incoperchiate... date una bella girata ogni 10'
        A fine cottura aggiungete
  • 150 gr tra uvetta e pinoli (io ho usato mandorle tritate che non avevo i pinoli)
  • 150 gr tra scorze di arancia e cedro canditi

Versare il composto nella teglia e cuocere a 180° finchè non si colorirà. Lo vedete qui sopra in tutto il suo splendore.



       Come vi ho già detto, questa ricetta non corrisponde a tutte quelle che ho trovato in rete. Comunque sia è un dolce buonissimo e profumato, fatelo ;))

Commenti

  1. brava..hai fatto bene a seguire il libro di ricette che hai e non la rete..a volte essere una voce fuori dal "coro" è bello..e mi pare che il risultato nn sia niente male :)!

    Un bacio
    Sara

    RispondiElimina
  2. Un dolce che non ho mai assaggiato. L'aspetto del tuo è stupendo, ne mangerei volentieri una fetta!

    RispondiElimina
  3. E' da tanto che giro intorno al migliaccio, avevo salvato la versione con la ricotta e il semolino. Mi piace però questa versione fuori dal coro con la farina di mais. Segno :) Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. Anche io mai assaggiato, ma questo mi ispira assai:)))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Veneziana?

Ho trovato questa bella ricetta su you tube e ho voluto subito provarla! Fatta circa 2 settimane fa, molto buona, più facile di altri grandi lievitati che hanno un impasto poco gestibile. Ho apportato delle piccole varianti, usando miele al posto dello zucchero e lievito madre, ma resta molto simile all'originale di cui aggiungerò il link a fine post. ora, la mia versione ;)




Veneziana La sera 1°impasto 220 g farina forte (io farina 0)  60 g miele  50 ml acqua  3 tuorli 150 g lievito liquido  60 g burro É un impast semplice, unica accortezza, aggiungere il burro alla fineSe usate pasta madre solida aumentate l'acqua a 90, 100 mlAl posto del lievito madre potete usare una biga fatta nel pomeriggio con lievito di birra

La Colomba mono impasto di Paoletta

Breve post oggi, solo qualche foto, per farvi vedere questa Colomba preparata l'anno scorso.



      La ricetta è di Paoletta diAnice e Cannella, ma non la trovate sul suo blog




      Questa ricetta è infatti stata pubblicata sul gruppo facebook di Paoletta l'anno scorso e ha avuto un grande successo, così come il panettonemono impasto