Passa ai contenuti principali

Pancarré Variegato..... Anastasiaaaa!!!!!!

Oggi vi presento un pancarrè che faccio molto spesso, non ha niente di particolare rispetto ad altri, ma è più bello!!! Anche in questo caso quelle che vedrete sono vecchie foto, perchè non ne ho mai fatte di nuove :)
       Dedico questa ricetta ad Anastasia, che mi ha gentilmente chiesto di ripubblicarla poichè, avendola fatta circa 2 anni fa, vorrebbe aggiornare il suo linck. Grazie Any, sei veramente gentile!!!




Finalmente  ho trovato il tempo di adattare questa ricetta, che faccio da tanti anni, all’utilizzo del lievito liquido. Non so chi la postò tanti anni fa su cucinait, purtroppo non salvai l’autore, non lo facevo all’inizio. Se qualcuno dovesse ricordarsene, me lo può comunicare. Grazie


Pancarré variegato
La sera preparare il lievito con
15 gr lievito liquido
120 gr acqua+latte
120 gr farina 0

Al mattino impastare
380 gr farina 0
150 ml latte
50 gr zucchero
60 gr burro
Aggiungere a questo impasto il lievito preparato la sera precedente e lavorare bene. Non è un impasto difficile (io ho fatto a mano, quando posso mi piace molto); dividete quindi in 2 parti e ad una unite

20 gr di cacao amaro

Se necessario aggiungere latte per far incorporare il cacao. A questo punto avrete due impasti di diverso colore che farete lievitare. Ci vorranno 4 o 5 ore.










Una volta lievitati li dovrete stendere col matterello in forma rettangolare delle dimensioni dello stampo da plum-cake che userete. Sovrapponete il rettangolo scuro su quello chiaro e arrotolate
















Qui dopo la lievitazione, altre 3 o 4 ore. Infornare a 170° per 30' circa. Quando è freddo tagliare e gustare




Non è dolce, è proprio un pan carrè. Oltre che con marmellate e creme spalmabili al cioccolato, sta molto bene con i formaggi, in particolare col gorgonzola. O almeno, a me piace così ;)

Pancarrè variegato, versione con lievito di birra
500 gr farina (0 o 00)
300 ml latte
50 gr zucchero
60 gr burro
20 gr cacao
1/2 cubetto lievito di birra
  • Impastare bene il tutto, tranne il cacao.
  • Dividere l'impasto in 2 parti e ad una aggiungere il cacao, servendosi di altro latte per amalgamare bene.
  • Far lievitare.
  • Dare la forma al pane come da foto
  • Far lievitare nuovamente e infornare a 170° per circa 30'

Commenti

  1. Che spettacolo quell'effetto spirale :) Mi spaventa un po' gestire due impasti contemporaneamente ma prima o poi mi butto!!! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  2. cavolo è bellissimo!! E' un'idea che sicuramente piacerà se riesco a rifarla uguale alla tua!! :)

    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  3. Molto buono e con l'effetto variegato è anche molto bello. Ciao.

    RispondiElimina
  4. Mi ha conquistato: si vede che è morbidissimo :D

    RispondiElimina
  5. Giulia è magnifico! Lo immagino con un formaggio spalmabile o con un gorgonzola piccante.
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Giulia, ma che tesoro che sei! ^__^ grazie di <3, sai che la aspettavo da tanto, avevo addirittura riscritto il mio post dopo la chiusura del tuo vecchio blog :(( ora vado subito a rilinkarti! Ma che bello che sei tornata! Un bacio grandissimo e ancora grazie! Sono emozionata per la dedica! ^__^ Any

    RispondiElimina
  7. Fede, Antonella, voi due lo farete bello e buono, molto più di me

    grazie Giovanna, sempre gentile,

    si Milena, è molto morbido

    Ehhh... si Giovanna, coi formaggi ci sta davvero bene!!

    Anastasia!!! La dedica era il minimo vista la tua simpatia ;))

    RispondiElimina
  8. Bellissima idea, ottima per la merenda a scuola!

    RispondiElimina
  9. Molto bello,mi piace tanto il fatto che non sia un dolce..
    Senz'altro da provare.Un bacio.

    RispondiElimina
  10. Giulia, sei stata bravissima, ti è venuto molto molto bene!
    Mi spalmerei subito una bella fetta con una crema al cioccolato !!!

    RispondiElimina
  11. Ripubblica, ripubblica, gradiamo tutti!!:-)
    Cinzia

    RispondiElimina
  12. Che bello!! Mai pensato di fare un pancarrè variegato...da provare..

    A presto
    Monica


    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  13. Ti rubo la versione con il lievito di birra.
    Baci.

    RispondiElimina
  14. è bellissimo, mi chiedevo appunto come l'avessi fatto!!!

    RispondiElimina
  15. Da sballo amica mia !
    Bravissima
    Mandi

    RispondiElimina
  16. Ciao molto bella vorrei provarla, ma x chi come me ha il lm solido?

    RispondiElimina
  17. Anonimo, usa tranquillamente il lievito solido, diminuisci di un poco i liquidi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari della Settimana

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Cartellate

Qui in Puglia, per il Natale, non c'é niente di più tipico che avere la tavola imbandita con un bel piatto di cartellate!! Dolce antico e buonissimo che ne richiama, nelle fattezze,  altri di origini orientali e soprattutto, arabi. Non per niente la nostra terra è stata dominata per lungo tempo da questo popolo e, nella cucina e nelle case bianche dei centri storici, ritroviamo il più palese segno della cultura araba.



      Ma veniamo al nostro dolce, difficilotto da fare... perciò spero che le mie foto vi siano utili.

       Intanto preparate un impasto base tipico di molte preparazioni pugliesi. In questo caso ho sostituito una parte d'acqua (diciamo 150 ml) con del whiski. Seguite tutte le indicazioni su come procedere, fate riposare la pasta per almeno mezz'ora e poi cominciate  il lavoro vero e proprio




 Cartellate

Se avete una macchina sfogliatrice è meglio (qui in Puglia ce l'abbiamo tutti proprio per le cartellate ;))Ora tagliate la pasta in tanti tocc…

Torta Paradiso con farina integrale

Ultimamente sono un po' fissata con la farina integrale. D'altronde si sa, fa molto più bene della bianca così, quando posso, la sostituisco. La pasta ormai è solo integrale, anche perchè mi piace molto... il riso decisamente meno, perciò uso il semi-integrale

       L'altro giorno, al supermercato, ho comprato un pacco di farina integrale Molino Rossetto poichè avevo deciso di farci il pane. Invece, sul pacco di farina, c'era la ricetta di questa meravigliosa torta!!
        Provatela, non ve ne pentirete!


Torta Grenoble

Questa ricetta viene dal bellissimo blog di Andrea Vigna e la trovate QUI. La frolla che ho usato per realizzarla é QUESTA, che poi è la stessa che consiglia Andrea. Il dolce è squisito, molto più di quanto mi aspettassi quindi, provatelo!!!


Io avevo già la frolla in congelatore e le noci sgusciate, quindi ho preparato questa crostata con facilità. Voi sbucciate le noci e preparate la frolla quindi procedete


Ingredienti
Pasta frolla adatta a rivestire uno stampo da 20 cm di diametro
120 g di zucchero
 37 g acqua
 17 g miele
125 ml panna
150 g di noci sgusciate



Cuocete zucchero e acqua dolcemente e preparate un caramello biondoAggiungete il miele e riportate a bollore

Completate con la panna che unirete poco alla volta onde evitare schizzi 

Finalmente terminate con le noci che non devono essere frantumate 

Rivestite lo stampo con la frolla e bucherellatela 
Versate il composto di caramello e noci sulla frolla

Completate il dolce con le strisce tipiche di una crostata 

Io ho pennellato con pa…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Sciroppo di amarene 2: con le foglie dell'albero!!

Col caldo finalmente arrivato la voglia di pubblicare è davvero poca! Niente di male... il blog è solo un passatempo...         Ma mi sto obbligando a postare questa ricetta perchè altrimenti, passato il periodo, non si potrà più replicare questa bontà. E' lo sciroppo che preferisco (non che ne beva molti), il più buono in assoluto.
si fa in una maniera davvero anomala... ve la vado a raccontare :)

Sciroppo con le Foglie dell'albero di Amarene
  1 Litro di vino rosso corposo (Primitivo of course, essendo io pugliese)
100 foglie di amarene
800 gr i zucchero