Passa ai contenuti principali

Zeppole di San Giuseppe... per Carnevale... ;))

Va bè... è sempre un dolce fritto, no?!?!?!
     Tanto a San Giuseppe le faccio di nuovo, intanto me le godo anche per il carnevale ;))))

Buonissime!!!





Zeppole di San Giuseppe

Per la pasta bignet
  • 300 ml acqua
  • 250 gr farina 00
  • 70 ml olio d'oliva 
  • Vaniglia per profumare
  • 5 o 6 uova
Portare a bollore l'acqua con l'olio e la vaniglia, tuffarci dentro la farina e mescolare fino ad ottenere una palla piuttosto soda. Far raffreddare un po' e aggiungere le uova una alla volta o con un cucchiaio di legno o nell'impastatrice

  

Ritagliare dei quadrati di carta forno; riempite una sac à poche con la pasta bignet e preparate le vostre zeppole sulla carta. Nel frattempo avrete messo una padella bella larga e piena d'olio a scaldare.
Io in genere friggo solo con olio d'oliva, in questo caso l'ho mischiato a dell'olio di arachidi altrimenti le zeppole vengono troppo scure. 
Appena avrete tuffato le zeppole nell'olio, vi sarà facile sfilare la carta forno.



Rigirarle spesso e cuocerle a fiamma bassa, alternando con delle alzate di calore.. Non so spiegarvi bene, ma quando la temperatura comincia a diventare troppo bassa, dovete alzare la fiamma.
Qui le zeppole sono ancora in frittura....


... e qui pronte per essere farcite

Per la crema pasticcera
2 uova
6 tuorli
8 cucchiai di zucchero
2 cucchiai rasi di fecola
1 cucchiaio raso di farina
aroma limone o arancio (la buccia grattugiata)
1 Litro di latte intero
Preparate la crema pasticcera prima della pasta bignet, in modo che avrà il tempo di raffreddarsi. Per favorire quest'operazione raffreddate le tiella con la crema immergendola in acqua e ghiaccio.
Ora, farcite le zeppole e decorate con una o più amarene possibilmente preparate con le vostre manine sante ;)


Non c'è niente da fare.... 
Poche cose sono altrettanto buone...




Scusate le troppe foto... Ma oggi girava così...


Commenti

  1. complimenti una ricetta sfiziosa ti seguo con piacere se ti va passa da me ciao

    RispondiElimina
  2. Non sai quante volte ti ho pensata in questo periodo.....e devo dire che è stato veramente lungo questo periodo....... allora ti ho pensata davvero tanto!!!!!!! E' vero ci sono periodi che non ti va di fare nulla ....e poi ti accorgi che anche se fai delle piccole cose, ci sono delle persone che ti apprezzano e ti aspettano con ansia.....e allora ritorni carica più di prima! Tu per me sei il mito dei lievitati, una volta soltanto ho fatto un panettone e dopo tanta fatica...appena l'ho girato per farlo raffreddare .....l'ho spatasciato miseramente....il gusto però era buono!!!!! Cara Giulietta, ti mando un grosso bacio e che dire di queste delizie? Che le riconosco perchè mi ricordo bene di tutte le cose che sai fare! Brava!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. grazie carissime...

    Memmea, sono contenta che le ricordi, un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Buoneeeee!!! Carnevale o non carnevale, san giuseppe o no, non mi farei certo dei problemi a mangiarne un paio...ma anche tre o quattro :)

    RispondiElimina
  5. ciao sono contenta che sei tornata! :)

    RispondiElimina
  6. Oh santa peppina che bontà!!!!! Giusto giusto perchè noi siamo nella settimana di carnevale :-)))) Lanciamene una decina!!!! Baci

    RispondiElimina
  7. Mamma quanto sono buoneeeee!!!!! Non ho fritto per carnevale, mi sa che per San Giuseppe provo!!
    Bravissima, come sempre!!!!
    Un bacio grande!!!!!

    RispondiElimina
  8. mi ci tufferei dentro, sai?! Che delizia..............................

    RispondiElimina
  9. Tiene un aspecto muy bueno me encanta golosísimos,abrazos y abrazos..

    RispondiElimina
  10. e mannaggia che voglia che fanno :)))))

    RispondiElimina
  11. Che buone!!! Uno dei piaceri della vita...

    RispondiElimina
  12. Ciao cara dolce Giulia ti scrivo dal cellulare sono in settimana bianca ma non potevo non farti gli auguri! Con tutto il cuore con tanto affetto festeggiando con una di queste buonssime zeppole che hai preparato titolare ti piacciono tanto! Sei sempre braviSsima ti auguro mille soddisfazioni ancora! Un abbraccio stretto stretto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno