Passa ai contenuti principali

Orecchiette e Cime di Rapa




Rispondendo all'appello di Ornella che ci invita a salvare le Orecchiette con le Cime di Rapa, mi sono decisa a fotografare anch'io questo piatto stra-tipico della tradizione pugliese!



Ovviamente, condizione necessaria affinchè il piatto riesca al meglio, è che le orecchiette siano fatte in casa.
I surrogati da banco frigo non servono a niente, pasta sciatta e spesso gommosa. quindi, munitevi di coltello e, dopo aver strascinato i tocchetti di pasta con lo stesso, capovolgeteli creando la tipica pasta :))

    Ci vuole allenamento, lo so!



Ora fate bollire abbondante acqua salata e tuffateci la verdura, fatela cuocere e aggiungetevi le orecchiette.
       Più sono, meglio sarà :))




Mentre la pasta cuoce, avrete preparato un soffritto con aglio, olio, cipolla (io non ce la metto), peperoncino e, per chi piace, acciughe salate. Scolate la pasta con la verdura e tuffatela nel soffritto. Ecco, così....



Vi assicuro che poche cose sono migliori!!!


Nel piatto... e buon appetito!


Commenti

  1. Che buone! Da figlia di pugliese posso dirti che è stato il piatto più mangiato quando vivevo con i miei. E tu sei stata bravissima a prepararle, io devo assolutamente perfezionarmi, non mi vengono così belle.
    Baci.

    RispondiElimina
  2. Giulia davanti a tanta bravura mi inchino!!!! Che meraviglia!!! Complimenti

    RispondiElimina
  3. Che belli e ruvidi!!!
    Complimenti!
    Sono ottimi preparati alla pugliese :)

    RispondiElimina
  4. M'inchino anch'io. Bravissima!
    Mi spiace solo non poterli gustare perchè devonoessere veramente sublimi!!

    RispondiElimina
  5. Salviamoli eccome. Una delizia del genere!!!! Complimenti

    RispondiElimina
  6. Io rimango incatantata davanti a quella distesa di orecchiette come anche per i cavatelli. La mia unica prova è stata disastrosa a dir poco. Di allenamento me ne servirà parecchio mi fa l'idea! Ammiro e sospiro :) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  7. un grande classico che adoro, brava Giulia!!!!

    RispondiElimina
  8. sono l tua iscritta numero 100^^ bellissimi colori questa ricetta.se ti va passa anche tu a trovarmi http://alchemianblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Io mica ho capito come si fanno :((((

    RispondiElimina
  10. grazie, siete davvero troppo gentili!!
    Mari angela, hai ragione, bisognerebbe vedere per capire.... magari prossimamente faccio un reportage migliore ;)

    benvenuta Arianna!

    RispondiElimina
  11. Appena trovo le cime di rapa .....faccio le orecchiette!
    Servirà allenamento.......io non ho idea di come girarle.....ma ci proverò... Un bacio Giulietta dolce.......

    RispondiElimina
  12. Io le cucino spesso, ma le compro già fatte, mai avuto il coraggio di farle! Brava :)

    RispondiElimina
  13. Giulia sono gustose gustose ..sai che ho provato diverse volte a fare le orecchiette
    ..mai che mi vengano bene ! ciao :)

    RispondiElimina
  14. è la prima volta che vedo cucinare le orecchiette in questo modo ma mi sa che è quello migliore nuova follower se ti va seguimi ciao

    RispondiElimina
  15. Oh Giulia se ti dicessi che io ADORO QUESTO PIATTO, mi crederesti vero?
    E ammiro tantissimo la tua maestria! Peccato davvero che tu stia all'altro capo dell'Italia, troppo troppo lontane, altrimenti sarei corsa a casa tua, certa che avresti volentieri accettato di farmi da maestra... (vero????) Perchè tu hai voglia di dire prendete il coltello e di spiegare come si fa... bisogna vedere e fare per imparare! Chissà mai che un giorno... il mio sogno ;) non si avveri!
    Per ora mi godo questa perfettissima distesa di orecchiette e ti rinnovo i miei complimenti, davvero brava!
    Un abbraccio stretto a presto Any

    RispondiElimina
  16. SEI DECISAMENTE STATA BRAVISSIMA...IO è DA UN PO' CHE VOGLIO CIMENTARMI...CHE SIA LA VOLTA BUONA!!

    RispondiElimina
  17. Complimenti sono perfette..e buonissime..Sono diventata una tua sostenitrice,
    Se ti va passa per il mio blog..
    Buona serata

    RispondiElimina
  18. Sono buonissime,ma devo essere sincera,non riuscirei mai a farle..
    Guardo e ammiro!

    RispondiElimina
  19. Ma ti sono venute benissimo, bravissima cara!

    RispondiElimina
  20. non ho mai provato a fare le orecchiette, mi intimoriscono, ma questo è uno dei miei primi preferiti, quindi prima o poi mi tocca provare!
    le tue sono spettacolari!

    RispondiElimina
  21. Ho visto come le faceva la consuocera calabrese: bellissime le sue e splendide le tue. Ma devo farmi coraggio e provare a farle, mai cimentata...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno