Passa ai contenuti principali

La mia colazione di stamattina: pancakes!

visto che le fragole sono in giro da 2 mesi... ne ho approfittato!




Ricetta tratta dal libro di Laurel Evans, fonte di ricette americane carine, discrete e gustose. 
Per un ottimo pancakes è fondamentale che vengano i buchini in grado di assorbire i liquidi che ci verserete sopra ;))   Per facilitare questa operazione è cosa buona e giusta montare l'albume a parte, darà maggiore sofficità






Pancakes di Laurel evans
Elementi solidi
135 gr farina
2 cucchiai zucchero
1/2 cucchiaino sale
1/2 cucchiaino lievito per dolci
1/4 cucchiaino bicarbonato

Elementi liquidi
250 ml latticello (50 ml yogurt, 200 ml latte, qualche goccia di limone, riposare 5')
1 uovo grande
35 gr burro fuso
Mescolare gli elementi liquidi tra loro e poi aggiungerli in quelli solidi: la pastella è pronta.

Se vi va, prima di preparare i pancakes potete fare questo ottimo sciroppo di fragole
Mettere le fragole a pezzi in una tazza e coprirete con 2 o 3 cucchiai di zucchero. Far riposare tutta la notte. Io avevo deciso di mangiarle semplicemente così con i pancakes. Poi ho preferito fare uno sciroppo. 
Ho cotto il tutto e bollito per qualche minuto


Schiacciato con l'attrezzino che vedete in foto, fatto riposare un po' e filtrato.
E' venuto uno sciroppo ottimo!!


L'idea dello sciroppo mi è venuta perchè sul libro c'è uno sciroppo simile, ma fatto coi mirtilli e lo sciroppo d'acero. Ma anche così era molto buono ; )

Aggiungo qualche foto per divertimento


Carine vero?


E buone... Buona giornata!!

Commenti

  1. Adoro quel libro.. Ci sono.un sacco di idee carine :) non sapevo della cosa dei.buchetti sui pancakes: quante cose si imparano! Ottimi i tuoi e anche lo sciroppino che ci hai fatto su ha una bella faccia :D

    RispondiElimina
  2. Sai io non preparo mai i pancake perchè ho paura di creare dipendenza!
    Ma adesso devo superare questo mio limite: basta!!!!
    Ciao siamo nuove iscritte(siamo due sorelle) se ti va vieni anche tu ad unirti ai nostri follower.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. grazie Paola!!

    Patrizia e Monica, verrò a trovarvi!

    RispondiElimina
  4. Quello sciroppo di fragole è golosissimo altro che lo sciroppo d'acero ;)
    Mia figlia va matta per i pancake, proverò anche questi :))

    RispondiElimina
  5. mmmmhhhh ... mi ispirano proprio questi pancakes! mia figlia è da una vita che mi chiede di farglieli ;) mi sà che domattina li provo! buona giornata anche a te!!

    RispondiElimina
  6. cavolo quanto mi gusterebbe un pancake anche adesso fuori di colazione!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie per i consigli utili, l'aspetto diventa ancor più invitante insieme alle fragole.
    Complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Giulia deci credermi, ma è una vita che prometto a mia figlia di farglieli e poi non li faccio mai!
    Adesso mi segno questa ricetta che mi sembra ottima e domani mattina PANCAKES!!!! ;)

    RispondiElimina
  9. adoro i pancakes!!!!!!!!!
    io li abbino alle mie more sciroppate che faccio in estate, mmmm che goduria!!!!!comunque son buoni con tutto!!
    se ti va passa a trovarmi

    lacucinadiazzurra.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. Sarebbero l'ideale stamattina a colazione visto che pranzeremo tardi e fuori casa....
    fra

    RispondiElimina
  11. Che bontà, adoro i pancakes...a saperlo, mi facevo trovare sotto casa tua stamattina :P :D
    Bacetti

    RispondiElimina
  12. bene bene... quindi in questi giorni tutte a fare pancakes... Miss, vieni quando vuoi ;)

    RispondiElimina
  13. che bello poter essere stata a colazione con te!!!
    saluti
    Sandra

    RispondiElimina
  14. Quanto mi piacciono i pancakes...sopratutto per variare ciò che spiattellare sopra....mi hai fatto tornare la voglia!

    RispondiElimina
  15. Quanto tempo che non faccio più i pancakes! Con quella salsina di fragole sono strepitosi, il modo migliore di iniziare la giornata ;)

    RispondiElimina
  16. Mi riprometto sempre di farli, mi piacciono tantissimo.
    I tuoi hanno un aspetto golosissimo!
    Ti ringrazio del gentilissimo commento che mi hai lasciato! :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  17. Se ve irresistible este desayuno muy muy rico,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  18. Belle cicciose.. faccio anch'io questa ricetta e sono buonissimi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno