Passa ai contenuti principali

Straccetti alla Senape

  Questo piatto l'ho visto qualche mese fa dalla Parodi e durante l'inverno l'ho fatto alcune volte.
            E' una preparazione molto gustosa che preparò Simona Izzo ne programma parodiano e devo dire che le due, insieme, non erano un bello spettacolo. Ma il piatto sì, perciò io ho segnato!
           E ho fatto bene, molto buono e si può preparare in anticipo, quindi adatto a me che, a mezzogiorno, corro a scuola per prendere mio figlio e poi devo sbrigarmi a cucinare perchè siamo entrambi affamati!!!




Straccetti piccanti alla Senape

Per il soffritto
Mettere in una padella

  • olio (non lesinate)
  • 2 peperoncini tritati (ma fate a gusto, dipende da quanto sopportate il piccante e dai peperoncini che avete)
  • 2 spicchi d'aglio tritati e, possibilmente, privati dell'anima
  • 200 gr di straccetti di manzo o vitello (tagliati da fesa o sottofesa)

Eccoli qui. Appena il soffritto di aglio, olio e peperoncino sarà pronto, tuffateci la carne e rigiratela per pochi minuti. Toglietela quindi dall'olio e mettetela in un piatto a riposare.
          Credo che le due signore non abbiano proceduto in questo modo e abbiano preparato la salsa in un'altra padella... Ma io ho preferito fare così

Per la Salsa
Mettete nell'olio piccante i seguenti ingredienti, più o meno a gusto; non eccedete con nessuno in particolare
  • Senape (3 o 4 cucchiai)
  • aceto
  • Worcester sauce
  • curcuma
  • aceto balsamico
Accendete il fuoco sotto la padella e cominciate a mescolare gli ingredienti. Aggiungete di tanto in tanto, qualche cucchiaio di acqua calda e mescolate sempre passando nell'intingolo un rametto di rosmarino


Eccolo qui!!!
        La salsa deve risultare cremosa , ma non troppo.
Rimettete la carne nel sughetto, rigirate pochissimo, incoperchiate, spegnete il fuoco e lasciate riposare per una decina di minuti. 
        Servite accompagnando con del riso basmati!


Cero il colore non è dei migliori, ma è davvero un piatto molto gustoso!

Buona giornata!


Commenti

  1. ciao Giulia, ti ringrazio per essere passata dal mio blog goloso e ti faccio i miei complimenti per il tuo sei bravissima ...un abbraccio .

    RispondiElimina
  2. Questo piatto e` adatto anche a me! Infatti lo provero`
    Grazie fra

    RispondiElimina
  3. mi sembra davvero gustosa, me la segno ! Buona giornata Giulia !

    RispondiElimina
  4. un piatto molto gustoso e poi come dici se si può preprarae in anticipo tanto meglio!

    RispondiElimina
  5. Mi sembra intrigante questo piatto anche perche', nonostante la salsa abbia un aspetto succulento, non contiene panna (se ci fosse stato il suocero della Izzo-l'indimenticato e indimenticabile Ugo Tognazzi-ce l'avrebbe messa sicuramente).
    Me la segno, grazie!

    RispondiElimina
  6. Saporitissimi :-) Che bella idea!

    RispondiElimina
  7. Giù.. che spettacolo!!!! Adoro la senape.. la metto ovunque e spesso faccio salsette simili! Mi piacicono i tuoi straccetti.. baciotti

    RispondiElimina
  8. Maria... grazie a te

    Francesca, provali, se poi non ti piacciono dimmelo!!!

    si Chiara, davvero gustosa

    Lucy, se fatti prima sono più saporiti

    Belle Auberge, ma sai che, pur senza panna, mi sa che la ricetta derivi proprio da Tognazzi padre?

    zonzo lando, grazie

    Claudia, la senape con la carne ci sta sempre bene ;)

    RispondiElimina
  9. Ciao,che bella ricetta,ed e' anche semplice da fare.Ho pensato esattamente cjo' che ha pensato Eugenia,mi devo preoccupare?
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  10. si Edith, ti devi preoccupare... perchè anch'io, a voi due, vi associo sempre... figuriamoci se cominciate a pensare alla stessa maniera!!!

    RispondiElimina
  11. Quanto mi piace la senape devo provare la ricetta!!! Veloce e gustosa, semplicemente perfetta!!!
    Un bacione grande!!!!!

    RispondiElimina
  12. Anche a me picciono molto,la ricetta è in un suo libro,li faccio spesso.Giulia grazie di essere passata !!

    RispondiElimina
  13. Ottimo suggerimento.. soprattuto perchè ti sei giocata la parola magica: "preparare in anticipo"!
    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno