Passa ai contenuti principali

Panzerotti

I panzerotti, insieme alla focaccia, sono, a mio avviso, i prodotti che maggiormente rappresentano la Puglia. Sarà che mi piacciono tanto e non sono obiettiva! Altri pranzi o minestre li troviamo, con variazioni o con altri nomi, in altre parti d'Italia, ma questi, così come sono concepiti, solo qui.

        Perciò bando alle ciance e passiamo al reportage.


Panzerotti
Mi sforzerò di darvi delle dosi, in realtà si tratta di fare una pasta da pane (acqua, farina,e lievito) e procedere :) Comunque...


500 gr Farina 0
300 ml acqua
   sale un pizzicone, regolatevi
 12 gr lievito di birra, ma anche molto meno
  • Io preferisco partire dall'acqua, quindi metto l'acqua in una ciotola di plastica con sale e lievito, faccio sciogliere
  • Aggiungo la farina poco alla volta e mi fermo quando l'impasto raggiunge la consistenza che mi aggrada. La pasta dev'essere morbida, ma non troppo
  • Lievito usato, pochissimo. In frigo circa 24 ore


 


  • Il mattino seguente, verso le 11, ho tirato fuori l'impasto dal frigo
  • Alle 12.30 ho fatto le palline come vedete in foto e sono andata a scuola a prendere il pargolo
  • Al rientro ho steso le palline con le mani e farcito con mozzarella sfilacciata a mano e un cucchiaino di sughetto di pomodoro fresco. Segue reportage ;))







Spero che le foto siano chiare, altrimenti chiedete pure!

Sia chiaro che potete preparare questa meraviglia in molto meno tempo e con più lievito, ma la lunga lievitazione favorisce una digeribilità del prodotto che sarebbe meglio seguire, soprattutto perchè si frigge.

          Al forno sono un'altra cosa.


Buona serata a tutti!

Commenti

  1. grazie per questa ricetta, non vedo l'ora di provarla!

    RispondiElimina
  2. Buoniiiiiiiii!!!
    E' un pò che non li faccio...
    L'odore di fritto in casa, d'inverno, mi scoraggia un pò... ma ora riparte la stagione!!!

    RispondiElimina
  3. Che buoni i panzarotti, ne mangerei a chilii! Poi quando sono belli caldi..Mmmh! Non farmici pensare!

    RispondiElimina
  4. Buonissimi !! Li proverò al più presto!!!

    RispondiElimina
  5. Le foto sono chiarissime e mostrano tutta la loro bontà, Meravigliosi!!!!!

    RispondiElimina
  6. adoro i tuo post! ne sento il profumo... haimè ora sono allergica al lievito ma da piccola ne ho mangiati di panzerotti, di focacce pugliesi e delle amate frise... quanto mi mancano... dai ho rifatto tante varianti per evitarmi l'allergia... i panzerotti mi mancano, vedrò che verrà fuori senza lievitazione

    RispondiElimina
  7. Le foto sono molto chiare e questi panzerotti ti sono venuti benissimo e mi fanno venire l'acquolina :)
    Mangiati tutti?

    RispondiElimina
  8. d'accordo sulla lunga lievitazione. io li preferisco fritti.
    molto golosi.
    irene

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia! Una mia cara amica, Enza, è di origini pugliesi e ogni tanto ci delizia con le sue focacce e i suoi panzerotti, che farcisce alla tua maniera ma anche con acciughina e mozzarella: le sette bellezze!!! :))

    RispondiElimina
  10. bene Giulia, quando passo? :PPPP

    RispondiElimina
  11. Che buoni, sono anni che non ne mangio uno, mamma mia che voglia!

    RispondiElimina
  12. Mamma che buoniiiiiiii....ne voglio uno!!!! :P
    Bravissima felice week end

    RispondiElimina
  13. Buonissimi,e le tue spiegazioni sono chiarissime.Anch'io li preferisco fritti!
    Buon weekend,un bacio.

    RispondiElimina
  14. No vabbè, svengo!!! Che buoni!! Da me i panzerotti sono i crocché di patate, ma più grossi. Questi panzerotti qui li voglio provare, hanno una faccia che solo a guardarla mette fame.. *.*

    RispondiElimina
  15. mai fatti, forse aspettavo giusto una ricetta che mi invogliasse.
    dalle foto vedo che si devono tenere un po' spessi. che belli, li provo e ti faccio sapere!
    ciao e buon we
    Ilaria

    RispondiElimina
  16. I nostri fantastici panzerotti pugliesi!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  17. Ma che spettacolo che ti sono venuti :-) Bravissima!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno