Passa ai contenuti principali

Sciroppo di amarene 2: con le foglie dell'albero!!

Col caldo finalmente arrivato la voglia di pubblicare è davvero poca! Niente di male... il blog è solo un passatempo...
        Ma mi sto obbligando a postare questa ricetta perchè altrimenti, passato il periodo, non si potrà più replicare questa bontà. E' lo sciroppo che preferisco (non che ne beva molti), il più buono in assoluto.

si fa in una maniera davvero anomala... ve la vado a raccontare :)


Sciroppo con le Foglie dell'albero di Amarene
  1 Litro di vino rosso corposo (Primitivo of course, essendo io pugliese)
100 foglie di amarene
800 gr i zucchero


  • Mettere a macerare le foglie dell'albero di amarene nel vino rosso per 40 giorni
  • Passato questo tempo scolare il liquido ed eliminare le foglie
  • Cuocere il vino con lo zucchero il tempo necessario a che si formi lo sciroppo (circa 30')
  • Far raffreddare e cominciare a gustare con tanto ghiaccio e acqua a proprio piacimento




P.S: Rispetto allo sciroppo di amarene fatto con i frutti, questo è molto più scuro, mentre l'altro rosato.
Purtroppo quest'anno ho fatto cuocere un po' troppo lo sciroppo con i frutti ed è venuto altrettanto scuro :)))

Sapore diversissimo!!!!!!

     Buona serata a tutti

Commenti

  1. Che ricetta curiosa! E poi io sono una patita degli sciroppi :)

    RispondiElimina
  2. Con il caldo di questi giorni ci vorrebbe proprio un bel bicchiere di questo sciroppo di amarene!

    RispondiElimina
  3. Stupendo! Devo trovare chi ha in giardino un albero di amarene. ho come l'impressione che siano piante cadute nel dimenticatoio e sarebbe davvero un peccato. Stasera telefono a mio zio ;))

    RispondiElimina
  4. lo so, anche io sto pubblicando un post a settimana invece che due, eppure sono a casa senza impegni! fa troppo caldo anche per mettersi al computer, figuriamoci cucinare...non sapevo che si potessero usare anche le foglie dell'albero di amarene, i vicini di mia madre ne hanno uno, mi procurerò tutto!

    RispondiElimina
  5. Ciao Giulia, deve essere molto gustoso e dissetante, bella ricetta, grazie!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  6. Mmmmm,una vera delizia e un vero toccasana con questo caldo,bravissima!!! ;-)
    A presto felice week end

    RispondiElimina
  7. guarda è da ieri che non mi disseto con niente, passamene 2 bicchieri!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Ci vorrebbe proprio uno di quei due bicchieri, o magari entrambi.
    Le amarene in sciroppo, in marmellata, mi piacciono molto, qui non riesco proprio a trovarle. Quelle sciroppate me le prepara mia zia anche se da un paio di anni mette anche l'alcool e non sono più buone come prima, le preferivo senza.
    Questa idea delle foglie con il vino mi incuriosisce parecchio. Dovrò piantarne un albero in giardino se voglio togliermi questi sfizi.
    Buona domenica, carissimissima. :)

    RispondiElimina
  9. Questa proprio non la conoscevo, deve essere una delizia, complimentissimi!!!!

    RispondiElimina
  10. non pensavo che con le foglie d'amarene si potesse fare uno sciroppo, grande

    RispondiElimina
  11. Buonissimo.Sono tanti anni che lo faccio. Piace a tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno