Passa ai contenuti principali

Cinnamon Rolls con glassa

 In questi giorni ho ripreso a panificare. Non lo faccio più tanto spesso e, a dire il vero, non me ne dispiace.
         In casa siamo solo 2 e produrre troppo sarebbe solo un spreco! E poi siamo fortunati, qui i panifici producono un pane ottimo e una pasticceria da forno notevole... quindi non c'è bisogno di darsi pena.


Però, ogni tanto, si ha voglia di un sapore che non trovi in nessun prodotto da forno, di una sofficità che è quella che dai tu e, soprattutto, si ha proprio voglia di mettere le mani in pasta e di sentire gli ingredienti che si amalgamano sotto le tue mani. Così è nato il pane al kamut dell'altro giorno..., così sono nati questi bullar



Bullar con glassa al formaggio
Questa ricetta non ha dosi, posso solo raccontarvela. Indicazioni più precise per questi dolci le trovate qui.

La farina 0 era circa 400, ma forse meno... un pugno di lievito madre, 2 manciate di zucchero, 2 uova piccole, burro? forse 100 gr. ho fatto un bell'impasto e messo a lievitare dalla sera alla mattina, in frigo.

(Cliccare sulle foto per ingrandirle)







 Al mattino si stende la pasta e si cosparge con burro a tocchetti, zucchero bruno di canna e cannella

 

Si arrotola il tutto e si tagliano tocchetti di 2/3 centimetri. Disporre a lievitare in teglia

 

Eccoli belli lievitati!!! In forno a 160° per 30' circa

Qui sono usciti dal forno...

Per completare l'opera preparate una glassa in questo modo:

  • mettete una noce di burro in un pentolino con un po' di latte e un cucchiaio circa di zucchero
  • fate sciogliere il tutto e aggiungete, sul fuoco, 2 cucchiai abbondanti di mascarpone
  • mescolate per bene e versate il tutto sui bullar :D

Belli vero?!?!
   Vi assicuro che ... furono ottimi :D!!

Alla Prossima

Commenti

  1. I cinnamon rolls sono una delle mie insane passioni, di solito li compro ma recentemente mi sono avventurata a farli...vedrai presto la mia versione :)
    I tuoi sono bellissimi e la glassa con il mascarpone divina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, grazie, sono un'insana passione anche per me. Abbandonati per un po' di dieta :DD!!
      Non vedo l'ora di vedere i tuoi!

      Elimina
  2. Belli! Non c'è dubbio..ma devono essere stati anche molto golosi...con tutta quella glassa che cola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh si... tanto golosi che li abbiamo finiti in un batter d'occhio!

      Elimina
  3. Buonissimi!
    Sempre desiderato farli, ma mai provato. Ci proverò anche io presto.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi provarci Tatin.. nel tuo blog vedo cose meravigliose... questi saranno una passeggiata ;)

      Elimina
  4. Ciao Giulia, altroché se son belli, e sicuramente anche buonissimi!!! Complimenti!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima Ely!! Sono buoni si, prendine quanti ne vuoi

      Elimina
  5. Favolosi....devono essere una bontà!

    RispondiElimina
  6. Li ho assaggiati per la prima volta allo starbucks a Madrid e da allora ne sono innamorata e mi sono sempre riproposta di rifarli, ma come spesso accade, non ci sono mai riuscita. Ti sono venuti meravigliosamente e a vederli sono sofficissimi :D

    RispondiElimina
  7. Falli Paola, tutto sommato sono molto semplici e mille volte più buoni di quelli comperati ;D

    RispondiElimina
  8. La cannella non piace in casa mia ma le tue foto mi fanno una gola, specialmente con quella glassa!

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, ci sono delle volte in cui nessun prodotto comprato sostituisce quella magica sensazione di avere gl'ingredienti che si amalgamano tra di loro sotto le mani, il tutto rende ciò che si prepara ancora più buono!
    E questo, anche se non l'ho mai ne provato a fare ne mangiato, mi sembra ottimo!
    complimenti

    RispondiElimina
  10. Giulia ma ti sono venuti benissimo e la glassa ci deve stare un incanto :-) Bravissima!

    RispondiElimina
  11. quando vado a trovare mia figlia me ne mangio sempre un tot!.... mamma mia... e sarei a dieta... ^^

    RispondiElimina
  12. Ciao Giulia, bellissime e golose
    Bravissima un abbraccio a presto !!

    RispondiElimina
  13. ha un aspetto invitante!!
    grazie per la condivisione

    RispondiElimina
  14. Caspita Giulia che meraviglia... paradisiaca anche la glassa!! Che acquolina!!!
    Un bacione cara!!!!

    RispondiElimina
  15. molto brava a fare i dolci da forno da sempre, devo dire che quella glassa al formaggio sopra è molto invitante

    RispondiElimina
  16. Questi li adoro, complimentissimi!!!!!

    RispondiElimina
  17. Ciao, Giulia. La settimana scorsa ho fatto i cinnamon rolls su tua suggestione (con quelle quantità di latte ci sono andati 600 g circa di farina 0). Anche i colleghi d'ufficio di mia figlia ringraziano :))) hanno detto che sono meglio di quelli della pasticceria. Ottimi davvero, e il riposo in frigo di una notte credo giovi molto all'impasto. Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
  18. grazie a te per la fiducia!! Si, il riposo in frigo fa sempre bene. Ieri ho fatto dei panini con lievito madre, preparati la mattina molto presto e cotti la sera. Sono venuti bene, ma erano diversi... il riposo in frigo aggiusta anche le consistenze, a mio parere :)

    RispondiElimina
  19. Adoro e estes ficaram lindos com a cobertura,
    boa semana
    bjs

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno