Passa ai contenuti principali

Lemon Curd

Diciamolo pure... il lemon curd è una cosa buonissima! ne basta un cucchiaino per metterti di buon umore :)

       Non lo facevo da tempo: è una bomba calorica e io dovevo perdere qualche chilo...
Poi ho visto una ricetta in tv in cui necessitava questa meravigliosa salsa e così mi sono decisa a rifarla. 
       Avevo provato, in precedenza, altre ricetta. Questa volta ho optato per una ricetta di Stefano Arturi, presente nel suo libro English Pudding (è scritto in italiano, non temete). Chissà... forse è anche nel blog... non ci ho fatto caso :D


Lemon Curd di Stefano Arturi
Le dosi sono abbondanti. Io ho diviso per 4
450 gr di burro non salato
900 gr di zucchero
succo filtrato di 8 limoni
buccia grattugiata di 12 limoni (io meno)
12 uova


  • Cuocete a bagnomaria i primi 4 ingredienti (io ho delle pentole ottime a fondo spesso, quindi ho evitato il bagnomaria. mi raccomando però, fiamma al minimo
  • Quando il tutto si è amalgamato bene unite anche le uova sbattute e mescolate per bene
  • La crema deve cuocere qualche minuto, finché non veli il cucchiaio (io però ho mescolato con la frusta)



Eccola qui sopra, pronta. Io l'ho subito filtrata, prima che si ispessisse.
       Questa operazione serve a rendere la crema più liscia, visto che elimina la buccia e amalgama nuovamente il tutto, ma anche ad eliminare eventuali grumi d'uovo che possono formarsi



Eccola qui!!!

       Io l'ho trovata ottima, migliore di altre che avevo già fatto!


Buona Domenica!

Commenti

  1. è vero che è una bomba ma è anche vero, così sembra, che è buonissima, grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  2. Ciao Giulia, mi piace molto il lemon curd ma non l'ho mai fatto, il tuo sembra davvero ottimo!!!
    Bacioni, buona domenica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo Ely, è molto semplice... poi mi dirai :D

      Elimina
  3. altamente pericoloso, crea dipendenza....Buona domenica Giulia, un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si Chiara, è proprio così, ma ne vale la pena!!

      Elimina
  4. Buonissima!
    Io non ho mai provato a prepararla ma voglio provarci. Ho anche scoperto che si può fare con i lamponi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i lamponi sarebbe davvero una novità!! SApevo con l'arancia... fallo e dicci ;D

      Elimina
  5. Ah, Stefano Arturi è mitico: il libro sui pudding non ce l'ho, ho quello sulle pause pranzo.
    Il lemon curd sembra buonissimo, così giallo e vellutato. Grazie per aver condiviso la ricetta

    RispondiElimina
  6. Non l'ho mai fatta, ma la tua ha un aspetto così invitante che mi segno e proverò a farla!!!
    Un abbracciotto e buona settimana

    RispondiElimina
  7. adoro lemon curd and this look delicious!! xo

    RispondiElimina
  8. Sono assolutamente d'accordo con te...l'ho fatto anche con il kiwi e le fragole...è una crema davvero pericolosamente golosa!!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  9. Io l'ho fatto la settimana scorsa e non ne è avanzato nemmeno un pò... è veramente deleterio per i miei rotoloni di ciccia!
    Il tuo ha una consistenza che viene da metterci il ditino :)
    Quanti vasetti ti sono venuti dividendo per 4?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, con 3 uova e tutto diviso 4 è venuto il vasetto da mezzo kilo che vedi in foto

      Elimina
  10. Ah... mi piace la versione "autunnale" del tuo blog ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno