Passa ai contenuti principali

Che ci avrò fatto con questi 3 ingredienti?



Oggi la voglia di scrivere è poca quindi, se volete una ricetta precisa con dosi e metodo andate qui.
         Quando invece ho preparato queste graffe non avevo voglia di stare a misurare gli ingredienti perciò, come molto spesso succede, sono andata a occhio :)

Graffe a occhio

  • Prendete quindi gli ingredienti della foto qui sopra (lievito madre un pugno, non tutto il vaso), aggiungeteci un po' di zucchero, burro e buccia di limone grattugiata e impastate


cliccare sulle foto per ingrandirle
cliccare sulle foto per ingrandirle

  •  Dopo aver impastato vi ritroverete con una palla bitorzoluta come quella della prima foto qui sopra.
  • Fate quindi riposare l'impasto con una copertura a campana per almeno un ora.
  • Trascorsa l'ora manipolate ancora un po' la pasta e vedrete subito il cambiamento: la massa sarà molto più liscia e setosa.

cliccare sulle foto per ingrandirle
cliccare sulle foto per ingrandirle


  • Fate ora tante palline con l'impasto e mettetele a lievitare. (Come si vede dalla foto c'è un solo tarallo... avevo fatto il solito bastoncino e messo a lievitare. Ma non mi andava di perdere tempo a fare .. taralli... così ho deciso di lasciare le pallozzole che avrei allargato al momento di friggere. Ho fatto bene.) 
  • Coprire con delle buste di plastica o pellicola trasparente e far lievitare qualche ora. In questa occasione c'è voluto poco tempo, perchè le giornate erano ancora piuttosto calde. Nella seconda foto le palline hanno lievitato.

  • Mettete in padella olio d'oliva (o misto con quello di semi) e portate a temperatura
  • Prendete le pallozze una per volta, allargatele al centro con le mani e tuffatele nell'olio bollente. Si fa in un attimo.
  • Friggete tutti quanti i dolci e passate nello zucchero semolato, magari aromatizzato con della scorza di limone grattugiata



 Mangiatene in quantità perchè non si fanno tutti i giorni ;)))

Buon fine settimana!

Commenti

  1. quella nel barattolo è pasta madre??? che invidia! :)
    ho cominciato un sacco di volte a prepararla, ma ho sempre abbandonato per poca costanza! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a fare la pasta madre nei periodi caldi, si sviluppa molto più facilmente ;)

      Elimina
  2. Mamma miaaa!!! Ma guarda un po tu cosa ne è venuto fuori!!! Sono buonissime, adoro le graffe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro le graffe e le faccio spesso!! Grazie per l'entusiasmo ;))

      Elimina
  3. Bellissime le tue graffe. Si vede che si è finalmente abbassata la temperatura. Si frigge!!!! Buone :)

    RispondiElimina
  4. Che delizia! ♥ chissà che profumino, mmmhhh...nooo meglio che chiudo la pagina, altrimenti sbavooo!!!:Q_ che acquolinaaaa
    Un abbraccio carissima e complimenti per queste delizie **
    Incoronata.

    RispondiElimina
  5. Buone le graffe! Le ho provate solo un paio di volte ma guardando la tua ricetta mi hai fatto venir voglia di riprovarci!

    RispondiElimina
  6. Ciao Giulia, che invidia quel vaso di PM...favolosa!!!
    Favolose sono anche queste graffe...stragolose!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  7. Ma quanto ammiro queste tue ricette a occhio. Io sono ancora terrorizzata dal lievito madre che ogni volta che preparo qualcosa ne controllo anche il più piccolo mg. Queste graffe che voglia me fanno veni'. Magari ci riuscirò pure io prima o poi a pigliare coraggio :)

    RispondiElimina
  8. Niente male per essere fatte" ad occhio" !

    RispondiElimina
  9. Non sapevo si chiamassero così!
    Sono bellissime... mi vien voglia di allungare una mano!

    RispondiElimina
  10. Ti sono venute meravigliose!
    Sono a dieta ferrea ....per ora non le faccio ma me le segno per quando potro`
    francesca

    RispondiElimina
  11. è vero che non si fanno tutti i giorni ma neanche si vedono spesso di cosi belli e ben fatti

    RispondiElimina
  12. Mamma che buoneeeeeeee....:PP
    Ne posso avere 2?? :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Devono essere deliziosi! Una volta ogni tanto, sono un peccato di gola da concedersi senza troppi rimorsi.

    RispondiElimina
  14. J'adore les beignets et je t'en pique au moins 2.
    A bientôt

    RispondiElimina
  15. troppo buone!! un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  16. Che bontà...calde calde ne mangerei volentieri un paio!!

    RispondiElimina
  17. ma il tuo lievito madre è magico...e queste graffe le voglio proprio fare!! Io ce lìho in panetto, il lievito madre,che copro con la pellicola e metto in frigo..questo è più morbido, mi ispira molto..
    Cinzia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno