Passa ai contenuti principali

Pan brioche alla Zucca



Qualche settimana fa mi hanno regalato una zucca meravigliosa!!! Oltre ad essere enorme si è rivelata buonissima. Un po' l'ho regalata, con un'altra parte ho fatto quintali di questa zuppa..., ma la maggior parte l'ho usata per panificare... era particolarmente adatta!!



        Ho preparato questo pan brioche ispirandomi in giro sul web, ma alla fine ho fatto a modo mio. Le varianti sono troppe in un lievitato, c'era da considerare anche l'umidità della zucca... insomma, ho elaborato la ricetta in corso d'opera. Ho fatto questo pane 2 volte: la prima volte è venuto un po' troppo dolce, pur non avendo messo tanto zucchero... talmente che con quelle dosi ho pensato che si potessero fare direttamente delle brioche!!! La seconda volta la versione era più salata, per i miei gusti più buono, perchè aveva ugualmente la dolcezza di un pan brioche, ma senza quel zuccherino di troppo che lo rendeva praticamente un dolce.

 Pan Brioche alla Zucca
450/500 gr Farina 0
300 gr zucca
2 o 3 uova
Una presa di sale
1 cucchiaio di zucchero (3 cucchiai per la versione dolce con cui potrete farci anche delle brioche)
120 gr Lievito Madre (o 12 gr lievito di birra)
125 gr Burro (volevo metterne 100 gr, ma avevo il panetto da 125 e l'ho usato tutto ;)


Cuocere la zucca a vapore (io metto un setaccio su una pentola con acqua in ebolizione
Frullare la zucca e aggiungerla a tutti gli altri ingredienti.
Il burro va per ultimo


L'impasto è pronto. Tenere in frigo tutta la notte
Al mattino 2 ore fuori dal frigo.
Mettere nello stampo a lievitare

Faccio presente che, nel frattempo, il freddo è aumentato, quindi il riposo in frigo non si rende necessario. Si consiglia però di far lievitare tutta la notte fuori a temperatura ambiente, ma al mattino, al contrario, far riposare un paio d'ore in frigo in modo da dare consistenza all'impasto, poi formare il pane, far lievitare e infornare.
       Io cuocio a 160° per il tempo necessario.
Se il pane comincia a scurire, copro con carta forno bagnata.


Col salmone gravlax che adoro



Un'altra foto perchè mi piace troppo!!!

Buon fine settimana a tutti!!

Commenti

  1. Che bel colore questo pan brioches! E mi immagino il sapore. Gnammi gnammi!

    RispondiElimina
  2. Giulia.... è un sogno questa brioche!!! Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  3. è venuta proprio bene sei stata davvero brava!!! io come ti ho detto l'ho fatta con la farina integrale e l'olio senza burro e poi ho diviso l'impasto in due stampi, quindi è piu' bassina!!! pero il sapore è buonissimo!!! piace anche a Chicca il mio cane!!!!! buon w.e. Giulia!!!! un abbraccio Tittina

    RispondiElimina
  4. Je n'ai jamais fait de brioche au potiron. Je suis sure d'aimer.
    La tienne est très réussie. Bravo!!
    A bientôt

    RispondiElimina
  5. grazie a tutti!! si, è davvero buono questo pan brioche ;) Tittina, il tuo è venuto molto bene, poi la farina integrale non fa lievitare come dovrebbe, perciò è più basso!

    RispondiElimina
  6. Una delizia autunnale favolosa,bravissima e buon dicembre :-)
    Baci

    RispondiElimina
  7. Ti è venuto benissimo, caspita che soffice e che lievitazione! Bravissima

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia!!!
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. meravigliosoooooooooooooooooooooo!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Mi accodo anche io ai complimenti, un pane davvero bello. Ho una bella zucca che aspetta, spero che riesca bene anche con le farine senza glutine. Io ci provo. Buona giornata. Ciao Stefania

    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno