Passa ai contenuti principali

Pane Naan


Questo pane è una delle prime ricette che ho preso dal web! Nel senso che è una delle prime ricette che ho preso dal sito di cucinait nel vecchio e glorioso forum :)

       E' un pane che potrete usare con la stessa versatilità di una piadina, riempirlo con tutto quello che vorrete come una piadina... ma, per i miei gusti, più buono e leggero. Nella ricetta, credo di Elena D. G. ci andava il lievito di birra; io ho usato il lievito madre... fate un po' voi






Pane Naan
500 gr farina
  70 gr cocco disidratato
300 ml yogurt (o quello che serve ad impastare
  25 lievito di birra (o 100 gr circa di lievito madre)
sale

  • Impastate bene il tutto e mettete a riposare in frigo
  • Al mattino tirate l'impasto fuori dal frigo e tenete a temperatura ambiente per un paio d'ore
  • Fate delle palline di cento grammi circa e fatele lievitare coperte con pellicola trasparente
  • Stendete le palline prima con le mani poi col mattarello dando loro la tipica forma di pane schiacciato
  • Quando avrete steso un bel po di palline cominciate a cuocere in una padella resa rovente su fiamma alta


Fate delle palline  e fate lievitare


stendete la pasta




il pane cuoce e fa le bolle!!!
il pane rigirato e bello cotto!

Note: E' ovvio che per i tempi di lievitazione potete regolarvi come meglio credete. Potete preparare la mattina e cuocere la sera; potete evitare il riposo in frigo; se usate il lievito di birra cercate comunque di diminuirne la quantità....
        Siete di certo abbastanza pratici da poter agire di conseguenza ;D



Un'ultima cosa: trovo molto comodo preparare questo pane e conservarlo o congelarlo, basta non cuocerlo troppo. In questo modo avrete delle piadine da usare quando più vi aggrada.

Buona Domenica!!!

Commenti

  1. curiosa l'aggiunta di cocco, ma non faccio testo non avendo mai provato a fare questo pane.
    molto bello, veramente.
    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Irene.. il cocco aggiunge profumo ;)

      Elimina

  2. Mi piace molto, ma si puo' fare anche senza il cocco? :)
    Probabilmente si sente poco vero? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, si può fare senza, ma credo che sia quello l'aroma che fa la differenza rispetto ad una qualsiasi piadina o simili... mettine di meno, dà solo profumo!

      Elimina
  3. una ricetta che non conoscevo e devo invece mettere subito nella mia wish list!
    Grazie Giulia!
    A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D

    RispondiElimina
  4. Bella idea, questo pane deve essere davvero utile.... credo in ogni momento. Riuscirò mai a mandare giù i kg. del Natale. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e quanto avrai preso a natale? 2 kili? in primavera ti metti a dieta ;)))

      Elimina
  5. è un aone povero ma gustosissimo

    RispondiElimina
  6. Un pane molto versatile e leggero!

    RispondiElimina
  7. Resta il retrogusto di cocco? Che forte questa ricetta, ottima idea anche per riutilizzare l'avanzo di LM del rinfresco!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  8. Mi ripropongo sempre di farlo e poi rimando sempre, a te è venuto benissimo e chissà che buono!

    RispondiElimina
  9. Interessante questa classica ricetta di pane indiano,ho visto il video,si gonfia magicamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SinEli, la presenza del cocco lo rende adatto alle oreparazioni piccati indiane

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno