Passa ai contenuti principali

Pavlova al Cioccolato


Questo post risale a circa 4 anni fa... uno dei primi del vecchio blog. Non si possono ingrandire le foto e, soprattutto, non sono molto belle. Ma la ricetta merita davvero!!!

         Era un po' di tempo che volevo provare questo dolce! Da quando, qualche anno fa, lo vidi preparare alla vulcanica Nigella e gustarselo voluttuosamente ricoperto di lamponi. Io i lamponi purtroppo non li ho trovati (porc!). Di solito ce li hanno nel negozio che dico io! E così, all'ultimo momento, ho preso quello che avevo in casa e ho risolto il problema.

Bella vero? Anzi no, non è proprio bellissima, ma mi è piaciuta un sacco, perciò ve la propongo





Pavlova al cioccolato di Nigella

Per la meringa
6 albumi
300 gr zucchero
1 cucchiaio aceto
3 cucchiai cacao
50 gr gocce di cioccolato
Montare benissimo gli albumi con lo zucchero. Aggiungere l'aceto e mescolare un altro po'. Versare nel composto il cacao setacciato e le gocce di cioccolato


Ora mescolare con una spatola o un cucchiaio


Versare la meringa al cioccolato in una teglia ricoperta di carta forno e darle forma tonda. Aiutandovi con un cucchiaio fare anche un incavo al centro.


Mettere in forno già caldo a 180° e dopo 10' abbassare a 150°. Il dolce deve cuocere 1h e 1/4, ma regolatevi in base al vostro forno



Per completare
500 ml panna
frutta necessaria a coprire (possibilmente lamponi ;)
zucchero a velo

Dato che non avevo lamponi in casa e neanche molta varietà di frutta, ho risolto sgocciolando delle amarene sciroppate e mescolandole con una percoca tagliata a cubetti.


Montare la panna e disporla sul dolce, poi ricoprire con la frutta e spolverare di zucchero a velo.

Non contavo sulla riuscita del dolce, invece il sapore mi è piaciuto molto!! Buon fine settimana a tutti!!

Commenti

  1. O_O mamma mia che buonaaaaaaa!!!! buon anno!!!

    RispondiElimina
  2. merita merita decisamente merita :-)

    RispondiElimina
  3. non ho mai provato a farla, deve essere squisita, buona serata

    RispondiElimina
  4. non tentarmi che dovrei ricominciare la dieta, ahimè....Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  5. non ho Fatto una meringa, avevo visto la ricetta di Csaba e mi aveva già tentato, e la tua versione mi tenta ancora di più!

    RispondiElimina
  6. Hermoso postre es irresistible,abrazos y buen año 2014

    RispondiElimina
  7. Ohi ohi... questa dev'essere davvero una goduria. E una meringa al cacao non l'ho mai fatta. Uff.. I primi buoni propositi di dieta diventano sempre più flebili!
    Segnata, comunque.. che la pavlova è un pò che mi sono promessa di rifarla ;)

    RispondiElimina
  8. Splendida questa pavlova, che libidine!

    RispondiElimina
  9. Interessante,al cioccolato..bravissima!!!;-))
    Baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno