Passa ai contenuti principali

Sticki Toffee Pudding


Era da un po' di tempo che volevo fare questo dolce!! Lo trovavo godurioso pur non avendolo mai provato... E avevo ragione, è ottimo!
        Un po' invernale a dire il vero, calorico e... molto anglosassone :D

Per la ricetta ho seguito le indicazioni che dà Stefano Arturi nel suo libro English Pudding, ma se vi fate un giro su Internet ne troverete di vari tipi... Eccovi un'idea :D

Ma passiamo alla ricetta



Sticki Toffee Pudding di Stefano Arturi

  • Spremete 1 arancia e 1 limone e aggiungeteci tanta acqua fino a raggiungere 300 ml
  • Coprite con questo succo 200 g di datteri già snocciolati (come potete vedere io nei datteri ci ho aggiunto anche la buccia grattugiata degli agrumi, ma andava tenuta da parte)
  • Cuocete i datteri col succo facendo sobbollire per 10'
  • Aggiungete 1 cucchiaino di bicarbonato, mescolate e fate riposare il composto



  •  Intanto mettete insieme 120 g di farina 00 e 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • Montate 60 g di burro con con 180 g di zucchero bruno di canna (fa la differenza!!!), un po' di sale e, se ce l'avete, dello zenzero in polvere (io non ce l'ho messo)
  • Aggiungete pian piano al burro 3 uova 
  • Frullate i datteri e aggiungete la buccia degli agrumi (quella che io ho usato prima :)
  • Aggiungete i datteri al composto di burro e uova, quindi la farina col lievito, 60 g di mollica di pane fresco e 75 ml di latte




  • Qui sopra vedete come si presentava il composto completo
  • Versatelo in una teglia quadrata da 20 cm di lato (la mia era rettangolare, ma con le proporzioni ci siamo)
  • Cuocete a 180° per 40' (io cuocio a 150/160°) perchè... conosco il mio forno ;D
  • Dopo 30' di cottura preparate la salsa toffee


 

Salsa Toffee
150 g zucchero di canna scuro
150 g burro a pezzetti
  6 cucchiai di panna
  2 cucchiai succo di limone
  1 arancia, buccia grattugiata
  • Sciogliere insieme sul fuoco i primi 3 ingredienti
  • Aggiungere i restanti alla fine
  • Tirare fuori il dolce dal forno, bucherellarlo e versarci metà dose di salsa in modo che venga assorbita dal dolce
  • Continuare la cottura per altri 10'


Questa è la salsa.
   Quella che resta, andrà ovviamente servita col dolce :D


Ho fatto questo dolce quasi un mese fa per il mio compleanno e quel balordo di mio fratello ha osato tagliarlo facendone tanti quadrotti :((( Quelli che vedete qui sopra sono avanzati, per fortuna, e li ho fotografati la mattina dopo.
         Affettati più sottilmente e cosparsi di salsa toffee è la morte loro :))


Buonissima giornata a tutti!!!

Commenti

  1. sembra molto interessante; vero che forse si addice di più all'inverno, ma alla fine, cosa importa????:)
    irene

    RispondiElimina
  2. Inverno o estate una bontà sempre e comunque, con la salsa sopra la morte sua! brava

    RispondiElimina
  3. Belli e ricchi! Da fare!

    Ciao
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Me lo segno per la prossima volta che devo smaltire le innumerevoli confezioni di datteri che mi arrivano a Natale :)
    Io adoro i pudding, lo sai :*

    RispondiElimina
  5. Adoro le torte con i datteri, metto la ricetta nella wish list per l'inverno.
    Buona domenica col sorriso :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Schiacciata fiorentina di Pellegrino Artusi

La ricetta che vi propongo oggi è una delle mie preferite!!!

Se usate regolarmente il lievito madre, questo dolce vi permetterà di smaltirne una buona quantità in un colpo solo e di ottenere, allo stesso tempo, un dolce molto buono e delicato :))




    Vi anticipo subito, però, che non vi è concesso fare i furbi!!!
 Se andate a controllare la ricetta 596 dell'Artusi, quella da cui sono partita per questo dolce, vi accorgerete subito che ci vogliono 650 g di Lievito (quindi lievito madre rinfrescato o pasta da pane) a cui vanno aggiunti gli altri ingredienti (uova, burro, zucchero...) per ottenere il dolce. Ebbene, non vi fidate. Usare solo lievito madre, o avanzi vari non va bene, avrete una pasta acida, in alcuni casi poco, in altri un po' troppo.

         Consiglio quindi 2 soluzioni
Per chi non usa lievito madre va benissimo partire da pasta da pane fatta con lievito di birraOppure seguire le variazioni che ho apportato io ;)))

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno