martedì 6 maggio 2014

Il "Calzone"

Queste foto non sono un granché... le ho fatte in tutta fretta a casa di mia madre mentre preparava questa meraviglia!!! Quello che vedete è il Calzone con gli Sponsali, o meglio, il calzone per antonomasia.

       E' una preparazione tipica della Puglia, anzi, di alcuni paesi del tarantino (con qualche variante), e si prepara il giovedì santo. Tradizione vuole che questo calzone venga mangiato la sera, di rientro dal giro per la visita ai sepolcri. Il giovedì santo, infatti, è il giorno in cui, nelle chiese, c'è la tipica lavanda dei piedi e poi, nei nostri paesi, dopo la messa, la gente va in giro per le chiese a visitare i sepolcri che commemorano la morte del figlio di dio. Al ritorno da questo giro di penitenza, a casa ci aspetta il calzone.

      Cosa simboleggi non lo so... ma credo niente di particolare...
E' un'usanza molto antica che è un piacere seguire.




Il ripieno è caratterizzato dal gusto degli sponsali, un cipollotto fresco simile a un porro che noi, qui, usiamo molto. Le dosi sono indicative, si fa molto a occhio

Calzone
Kg 1.5/2 di sponsali
Vanno puliti e cotti il giorno prima a fuoco lento con olio e sale. Rilasciano molta acqua e si riducono parecchio. Noi li mettiamo in uno scolapasta a scolare fino al mattino dopo, quando prepariamo il calzone

Gli altri ingredienti per il ripieno
  • Olive all'acqua denocciolate
  • capperi
  • uvetta sultanina
  • acciughe sotto sale ( a molti non piacciono, potete ometterle)
Per la pasta
  • kg 1 di farina
  • 2oo ml di olio
  • sale, pepe
  • acqua necessaria ad impastare


  • Mettete la farina sulla spianatoia con sale e pepe, fate la fontana e versateci l'olio
  • Sfregate l'olio con la farina per farla intridere
  • Aggiungete l'acqua fino a che avrete avuto una consistenza soda ma lavorabile. Fate riposare
  • Dividete in 2 l'impasto, stendetene una parte e foderate una teglia
  • Riempite in questa maniera: prima gli sponsali, quindi olive, capperi, uvetta e le acciughe.
  • Chiudete con l'altra parte di paste stesa, bucherellate, cospargete di olio e infornate a 200° per 45' circa. Il calzone dev'essere ben dorato!!!
Un po' in ritardo rispetto a Pasqua ma.... Buon Appetito!!!


16 commenti:

  1. Ma gusta mucho... BUona giornata.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia..molto mediterraneo!!! :-))
    Ciao,bacii

    RispondiElimina
  3. al di là della tradizione che è un qualcosa in più è un calzone molto interessante

    RispondiElimina
  4. È di un buono! Io nelle cipolle aggiungo anche la scarola bollita e saltata. È un'altra variante credo, ma ugualmente buona.

    RispondiElimina
  5. Adoro e essa ficou uma maravilha
    bjs

    RispondiElimina
  6. Ma il sapore è sempre quello cipollotti ? Ciao

    RispondiElimina
  7. ma che meraviglia!!! gia' che sono in periodo in cui preferisco i salati :)

    RispondiElimina
  8. Non l'ho mai visto ma intriga tantissimo!!
    Ciao, non ho ancora ammazzato il mostro, ma a breve mi chiameranno....spero!
    Ciao e buona serata!

    Cinzia

    RispondiElimina
  9. Adoro le ricette regionali di antica tradizione per cui mi son già segnata la tua ricetta! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Wow Giulia, ti avviso che ho l'acquolina, questo calzone è favoloso. Mi hai fatto venire una voglia e anche tanta curiosità di saggiare gli sponsali. Un bacio

    RispondiElimina
  11. ohhh mamma Giulia che meraviglia che é, ma per me é solo un'utopia produrlo dove trovare questi ingredienti tipicamente pugliesi? qui é un sogno!!!!! che mi portero' dientro fintanto che non passero' dalla Puglia per rifornirmene :) ahime!!!!

    RispondiElimina
  12. Fantastico calzone. Puglia maestra!

    RispondiElimina
  13. Il lieviti non ci vuole nell impasto? Grazie mille per aver condiviso con noi. Buona Pasqua a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, niente lievito, anche se alcuni ce lo mettono, ma io non lo preferisco. Con queste dosi vengono 2 teglie grandi

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...