Passa ai contenuti principali

Il "Calzone"

Queste foto non sono un granché... le ho fatte in tutta fretta a casa di mia madre mentre preparava questa meraviglia!!! Quello che vedete è il Calzone con gli Sponsali, o meglio, il calzone per antonomasia.

       E' una preparazione tipica della Puglia, anzi, di alcuni paesi del tarantino (con qualche variante), e si prepara il giovedì santo. Tradizione vuole che questo calzone venga mangiato la sera, di rientro dal giro per la visita ai sepolcri. Il giovedì santo, infatti, è il giorno in cui, nelle chiese, c'è la tipica lavanda dei piedi e poi, nei nostri paesi, dopo la messa, la gente va in giro per le chiese a visitare i sepolcri che commemorano la morte del figlio di dio. Al ritorno da questo giro di penitenza, a casa ci aspetta il calzone.

      Cosa simboleggi non lo so... ma credo niente di particolare...
E' un'usanza molto antica che è un piacere seguire.




Il ripieno è caratterizzato dal gusto degli sponsali, un cipollotto fresco simile a un porro che noi, qui, usiamo molto. Le dosi sono indicative, si fa molto a occhio

Calzone
Kg 1.5/2 di sponsali
Vanno puliti e cotti il giorno prima a fuoco lento con olio e sale. Rilasciano molta acqua e si riducono parecchio. Noi li mettiamo in uno scolapasta a scolare fino al mattino dopo, quando prepariamo il calzone

Gli altri ingredienti per il ripieno
  • Olive all'acqua denocciolate
  • capperi
  • uvetta sultanina
  • acciughe sotto sale ( a molti non piacciono, potete ometterle)
Per la pasta
  • kg 1 di farina
  • 2oo ml di olio
  • sale, pepe
  • acqua necessaria ad impastare


  • Mettete la farina sulla spianatoia con sale e pepe, fate la fontana e versateci l'olio
  • Sfregate l'olio con la farina per farla intridere
  • Aggiungete l'acqua fino a che avrete avuto una consistenza soda ma lavorabile. Fate riposare
  • Dividete in 2 l'impasto, stendetene una parte e foderate una teglia
  • Riempite in questa maniera: prima gli sponsali, quindi olive, capperi, uvetta e le acciughe.
  • Chiudete con l'altra parte di paste stesa, bucherellate, cospargete di olio e infornate a 200° per 45' circa. Il calzone dev'essere ben dorato!!!
Un po' in ritardo rispetto a Pasqua ma.... Buon Appetito!!!


Commenti

  1. Ma gusta mucho... BUona giornata.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia..molto mediterraneo!!! :-))
    Ciao,bacii

    RispondiElimina
  3. al di là della tradizione che è un qualcosa in più è un calzone molto interessante

    RispondiElimina
  4. È di un buono! Io nelle cipolle aggiungo anche la scarola bollita e saltata. È un'altra variante credo, ma ugualmente buona.

    RispondiElimina
  5. Adoro e essa ficou uma maravilha
    bjs

    RispondiElimina
  6. Ma il sapore è sempre quello cipollotti ? Ciao

    RispondiElimina
  7. ma che meraviglia!!! gia' che sono in periodo in cui preferisco i salati :)

    RispondiElimina
  8. Non l'ho mai visto ma intriga tantissimo!!
    Ciao, non ho ancora ammazzato il mostro, ma a breve mi chiameranno....spero!
    Ciao e buona serata!

    Cinzia

    RispondiElimina
  9. Adoro le ricette regionali di antica tradizione per cui mi son già segnata la tua ricetta! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Wow Giulia, ti avviso che ho l'acquolina, questo calzone è favoloso. Mi hai fatto venire una voglia e anche tanta curiosità di saggiare gli sponsali. Un bacio

    RispondiElimina
  11. ohhh mamma Giulia che meraviglia che é, ma per me é solo un'utopia produrlo dove trovare questi ingredienti tipicamente pugliesi? qui é un sogno!!!!! che mi portero' dientro fintanto che non passero' dalla Puglia per rifornirmene :) ahime!!!!

    RispondiElimina
  12. Fantastico calzone. Puglia maestra!

    RispondiElimina
  13. Il lieviti non ci vuole nell impasto? Grazie mille per aver condiviso con noi. Buona Pasqua a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, niente lievito, anche se alcuni ce lo mettono, ma io non lo preferisco. Con queste dosi vengono 2 teglie grandi

      Elimina
  14. Forse la tua fede vacilla, Giulia... Ma che bel blog, asserisco io!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Schiacciata fiorentina di Pellegrino Artusi

La ricetta che vi propongo oggi è una delle mie preferite!!!

Se usate regolarmente il lievito madre, questo dolce vi permetterà di smaltirne una buona quantità in un colpo solo e di ottenere, allo stesso tempo, un dolce molto buono e delicato :))




    Vi anticipo subito, però, che non vi è concesso fare i furbi!!!
 Se andate a controllare la ricetta 596 dell'Artusi, quella da cui sono partita per questo dolce, vi accorgerete subito che ci vogliono 650 g di Lievito (quindi lievito madre rinfrescato o pasta da pane) a cui vanno aggiunti gli altri ingredienti (uova, burro, zucchero...) per ottenere il dolce. Ebbene, non vi fidate. Usare solo lievito madre, o avanzi vari non va bene, avrete una pasta acida, in alcuni casi poco, in altri un po' troppo.

         Consiglio quindi 2 soluzioni
Per chi non usa lievito madre va benissimo partire da pasta da pane fatta con lievito di birraOppure seguire le variazioni che ho apportato io ;)))

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno