Passa ai contenuti principali

Quante storie per una Focaccia!!!

     La focaccia pugliese è davvero molto buona!!! Un bell'impasto elastico di acqua e semola, la giusta quantità di lievito e, in 4 e 4-8, avrete una cena meravigliosa!! Pomodori e olio buono completano il tutto!!!
Un prodotto semplice che, in questi tempi di logorrea culinaria, si sta trasformando in un fenomeno, in un sapore da riscoprire, in una diatriba su quale sia il metodo giusto per farla... :(((  Ovviamente, stessa sorte per altri prodotti tipici e/o regionali

Ma perché tante storie? La focaccia perfetta? L'orecchietta perfetta? Il lampredotto perfetto? E il risotto alla milanese? O la cotoletta? Quanta farina... ma ci va poi?
 Tanto si sa che ognuno segue le indicazioni del cuore o, alla meglio, quelle della mamma... si sa che chi non ha voglia di cucinare compera tutto bell' e fatto e si sa che in ogni famiglia c'é la vera e unica ricetta, quella che si fa da almeno 2000 anni!!!  Non sono polemica Eh!! Ci mancherebbe... ma queste cose mi divertono e mi andava di divertirmi con voi :D :D 


       Certo, alcune regole di base vanno seguite!!!!
 Per esempio la focaccia pugliese con l'olio di semi non si può sentire proprio!!!!
        Eppure qualcuno la fa... sigh sigh

Ma, detto ciò, ognuno si regola come meglio crede e, poco importa se usa lievito madre o lievito di birra, semola grossa o rimacinata... l'importante che il risultato sia godibile :D

Quindi, per questa focaccia, nessuna dose, ma solo qualche indicazione

  • Per una teglia grande da forno usate 600/700 g di semola rimacinata e mescolate con sale, lievito e l'acqua necessaria ad ottenere un impasto elastico
  • Fate lievitare in frigo, al caldo, tempi lunghi, tempi brevi, poco lievito, lievito madre.... fate voie
  • Ungete la teglia e spargetevi sopra la pasta lievitata
  • Appoggiate non troppo delicatamente dei pomodori tagliati a metà (in questo caso io ho farcito metà focaccia anche con pomodori arrostiti, cipolla, olive e funghetti sott'olio)
  • Fate lievitare ancora, cospargete di sale e olio (abbondate) e infornate a 200°
  • Pronta in mezz'ora circa
Buon Appetito e Buona Serata!!


Commenti

  1. come sono d'accordo questa mania della perfezzione assoluta non la condivido nemmeno io, libertà almeno in cucina :-)

    RispondiElimina
  2. ...oh mamma,a quest'ora non posso vedere certe coseeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee..... :PPPPPPPP
    Bravissima Giulia,un bacione ciaoo

    RispondiElimina
  3. goduria pura,hai ragione quante storie delle volte la facciamo troppo lunga,mi metto dentro il calderone anche io, ma non se ne vale la pena, mah,felice serata

    RispondiElimina
  4. Giuliaaaa, ciao!
    ma certo che mi ricordo di te, grazie per essere passata :)
    ultimamente passo poco un po' ovunque ma questo non significa che mi dimentico di voi :)
    sulla focaccia hai perfettamente ragione: anche io vado a occhio tante volte, l'importante è il risultato finale :-P
    un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
  5. Meno male che l'hai scritto tu...Nel leggere alcuni pare che prima di osar cucinare un piatto tipico regionale devi fare un corso di studi specifico...E se per caso sbagli qualcosa, apriti cielo! Detto ciò la focaccia pugliese non l'ho ancora mai fatta, per cui spero di non restare fulminata dagli strali di tutti questi maestri il giorno che oserò farla! ;-)

    RispondiElimina
  6. Cio' che mi piace nelle tue ricette e' quella precisione perfezionistica che spacca il capello in due ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah.... Eugenia! Hai riportato in auge il post 😀😀😀 si è vero, da masterchef proprio 😂😂

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno