Passa ai contenuti principali

Cedri Canditi

        Quando, da piccola, vedevo mia madre fare i canditi, non ero molto convinta. La stessa cosa accadeva per i canditi che vedevo nelle case degli altri. Piccoli, zuccherini, duri e.... amari!!! Ma erano fatti in casa e dovevano essere buoni per forza.

       A dire il vero, in nome del fatto in casa, si mangiano molte ciofeche... un esempio per tutti le innumerevoli quantità di pane casalingo e, molto spesso, indecente, che le folli amanti della pasta madre sfornano a ripetizione!! "Ma è genuino, l'ho fatto io..." 
      Ehhh... no... fatto in casa non vuol dire per forza buono :D





       Detto questo, torniamo ai nostri canditi. Inutile prenderci in giro, quelle scorzette piccole e amarognole non sono canditi!!! Per me il candito è quello intriso di zucchero che compriamo in drogheria, morbido, con cui si può fare il panettone! ;)

       Così un giorno, quando ho trovato una ricetta per i marron glassè (lo so... non si scrive così...), mi sono detta che quel metodo poteva andar bene anche per fare scorze di agrumi canditi!!! 



  • Prendete dei bei cedri grandi maturi (questi 2 pesavano 1 KG)



  • Tagliateli in quarti e togliete la polpa. Io qui la polpa non l'ho tolta perchè speravo candisse anche lei, invece non succede, rimane molliccia... quindi, toglitela!




  • Fateli bollire per qualche minuto, giusto il tempo di togliere un po' di amaro
  • Preparate uno sciroppo con 1 litro d'acqua e 700 g di zucchero 
  • Immergete le scorze nello sciroppo e fatele bollire un paio di minuti
  • Ora spegnete, togliete il coperchio dalla pentola e fate riposare per 1 o 2 giorni
  • Passato questo tempo fate nuovamente bollire le scorze di cedro per 1 minuto circa e fate riposare altri 2 giorni




  • Questa operazione va ripetuta varie volte (aggiungete un po' d'acqua quando è necessario), ma la cosa fondamentale è che le scorze di agrumi passino almeno un mese nello zucchero!!! Il riposo nello sciroppo fa sì che, a poco a poco, l'acqua del frutto venga sostituita dallo zucchero. Così avrete un candito perfetto!!!




  • Ora tirate fuori le scorze dallo sciroppo e fatele asciugare. Tenetele su una gratella per qualche giorno, non abbiate fretta...

Sono meravigliose!!! Ovviamente il procedimento vale per altri tipi di scorze( limoni, arance...)

Buona giornata!!

N.B: 29/02/2016. Ho fatto spesso i canditi con questo metodo e mi sento di dire che con altre bucce (arance, limoni) i canditi sono pronti entro 7/10 giorni. Quelle di questo post erano davvero troppo grandi

Commenti

  1. Ci vole tempo ma è tutto semplice e fattibile :) brava come al solito Giulia :)

    RispondiElimina
  2. ahahahah.. sei meravigliosa!
    E mi riferisco alle ciofeche di cui sopra.
    Mai mangiati i cedri canditi... Se è per questo non li ho nemmeno mai visti, ma si sa che io vengo da Marte!
    Però le arance le faccio e questo metodo mi incuriosisce...
    Terrò a mente!

    RispondiElimina
  3. effettivamente è vero potrebbe andare bene anche per i cedri, io non ho i cedri ma i limoni faccio bollire un minuto e butto via l'acqua per 3 volte e poi li metto nello sciroppo

    RispondiElimina
  4. devono essere favolosi da soli ed anche da utilizzare anche in altri dolci, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Giulietta, questi sono sicura siano buonissimi…..
    hai ragione…..non sono più presente come prima e me ne dispace…..ma non so come conciliare tutto……ho bisogno di un po di riposo e di tempo…..baci e ti voglio bene!

    RispondiElimina
  6. Molto interessante la ricetta dei canditi, non la conoscevo. La proverò, Grazie e ciao

    RispondiElimina
  7. Grazie simpatica Giulia ! Molto interessante ! Prendo nota e sicuramente farò la tua ricetta che hai spiegato molto bene . Un abbraccio da Shoreh La mia cucina persiana

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Veneziana?

Ho trovato questa bella ricetta su you tube e ho voluto subito provarla! Fatta circa 2 settimane fa, molto buona, più facile di altri grandi lievitati che hanno un impasto poco gestibile. Ho apportato delle piccole varianti, usando miele al posto dello zucchero e lievito madre, ma resta molto simile all'originale di cui aggiungerò il link a fine post. ora, la mia versione ;)




Veneziana La sera 1°impasto 220 g farina forte (io farina 0)  60 g miele  50 ml acqua  3 tuorli 150 g lievito liquido  60 g burro É un impast semplice, unica accortezza, aggiungere il burro alla fineSe usate pasta madre solida aumentate l'acqua a 90, 100 mlAl posto del lievito madre potete usare una biga fatta nel pomeriggio con lievito di birra

La Colomba mono impasto di Paoletta

Breve post oggi, solo qualche foto, per farvi vedere questa Colomba preparata l'anno scorso.



      La ricetta è di Paoletta diAnice e Cannella, ma non la trovate sul suo blog




      Questa ricetta è infatti stata pubblicata sul gruppo facebook di Paoletta l'anno scorso e ha avuto un grande successo, così come il panettonemono impasto