Passa ai contenuti principali

Cornetti Bicolore (bianco e neri)

       Faccio questi dolci da diversi anni... Il post che vedete è molto vecchio, ma lo ripubblico perchè non ho fatto altre foto e, comunque, non ce n'è bisogno... tanto non sono una professionista con la macchina fotografica, né mi va di esserlo ;)

La ricetta originale di queste bontà viene da coquinaria. Io non ho cambiato praticamente niente, solo diminuito un po' il lievito e variato un tantino il procedimento. Per il resto, tutto uguale. Mi sono sempre piaciuti da morire e non smetterò mai di ringraziare Angelique per averla postata!!!






Cornetti bianco neri 
  • 1 kg farina bianca
  • 4 uova
  • 300ml latte
  • 200 ml olio d'oliva
  • 25 gr lievito di birra
  • 5 cucchiai zucchero
  • una presa di sale
Mescolare tutti gli ingredienti e lavorare bene l'impasto. Dividerlo a metà e ad una parte aggiungere
  • 3 cucchiai di cacao amaro
all'altra parte, quella bianca

  • la scorza di un'arancia grattugiata
Far lievitare i 2 impasti. A lievitazione avvenuta dividere ogni impasto in 8 palline e procedere come nelle foto per fare i cornettini. io ho fatto mezza dose, quindi qua vedete 8 palline in tutto.


La ricetta prevede di dividere ogni cerchio in 8 parti, io ne faccio anche di più e sembrano dei dolcetti.

Far riposare una mezz'oretta e cuocere in forno a 180° per circa 10', regolatevi, come sempre, col vostro forno. Nel frattempo preparate uno sciroppo con
  • 225 ml di acqua
  • 450 gr di zucchero
  • scorza d'arancia tagliata a pezzettini piccoli
Fatelo intiepidire e tuffateci i cornetti bollenti usciti dal forno. Se potete aspettare fateli sgocciolare su una gratella, altrimenti consumate subito!!!! Sono peggio delle ciliegie, uno tira l'altro!
Volendo, riempirli con marmellata o gocce di cioccolata. Io trovo che siano più buoni senza niente, dato che ho provato diverse versioni.

Buona Domenica!!!

Commenti

  1. Non puoi fare così, ho l'acquolina in bocca! Li mangerei tutti!

    RispondiElimina
  2. Che buoni questi cornetti bigusto, brava Giulia!!!
    bacioni...

    RispondiElimina
  3. Eccoli...finalmente li hai postati di nuovo, li segno voglio provarli *_*

    RispondiElimina
  4. Riesci sempre a sorprendermi. Visito spesso il tuo blog e trovo sempre belle idee. Approfitto per dirti che ti ho nominata per il Liebster Blog Award. Spero di leggerti presto. Ciao Stefania

    RispondiElimina
  5. Davvero bellissimi da vedere cara..e chissà da pappare,brava!!!:-))
    Baci,felice serata

    RispondiElimina
  6. bellissima idea, brava brava :))
    un abbraccio e buon w.e.

    RispondiElimina
  7. Sono pure molto eleganti . Copiati !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno