Passa ai contenuti principali

Canapa: una pianta... stupefacente...



        Nel precedente post ho già esposto, in maniera approssimativa e sintetica,  a dire il vero, i vari e multiformi usi della cannabis. Non poteva essere altrimenti: non sono un'esperta nè una scienziata e così, anche in questa sede, per chi volesse saperne di più, rimando a fonti più autorevoli




        Oggi vi parlerò invece di un successivo incontro avuto col presidente e vicepresidente di Canapuglia presso una Masseria del tarantino. In questa sede è in corso un esperimento molto interessante per valutare un'altra delle tante proprietà dalla canapa: la capacità di assorbire elementi inquinanti!!
Ovviamente non c'era posto migliore della zona industriale di Taranto per portare avanti tali studi.
         
          Prima di addentrarci nel campo di canapa vi spiego un po' queste foto. Qui sopra vedete i nostri eroi che presentano molti dei prodotti che si possono realizzare con la canapa...



L'attento uditorio e la poetica cornice della masseria :D




Vari tipi di pasta, biscotti, sfogliatine che si possono realizzare con la farina di canapa... e i semi...
       Siamo o no su un blog prevalentemente di cucina?
Per chi fosse interessato: www.deliziedicanapa.com




Ancora pasta, semi e poi taralli e grissini....




Quel vasetto col coperchio giallo che si intravede dovrebbe essere un preparato medico fatto con la canapa..
        Le proprietà terapeutiche di questa pianta sono molte e notevoli e, per fortuna, molti studi si stanno orientando in questo senso :DD
       Sullo sfondo il bio-mattone. Questa è la cosa che a me ha interessato forse più di tutte! Mescolando canapa e calce si ottiene un prodotto molto resistente ed ecologiche col quale è possibile costruire case!!! Vi comunico quindi che a Conversano, qui in Puglia, stanno costruendo 60 appartamenti proprio in questo modo!! speriamo per il futuro...




       E qui ancora bio-mattone, ma in una foggia diversa. Un po' nascosto si vede anche un tessuto fatto con la canapa. E della carta, ve ne ho parlato? Quella che si otterrebbe dalla cannabis sarebbe molto resistente e prodotta in maniera ecologica, visto che per estrarre la cellulosa da questa pianta non ci vorrebbero potenti additivi chimici!!




E qui finalmente il campo di Cannabis!!!!
         Devo dire che l'odore che emanava era irresistibile e ce ne siamo andati tutti un po' più allegri :DDD

Su questa pianta c'è ancora molto da sperimentare, c'è poca letteratura e bisogna individuare i semi adatti ai vari terreni. Questo è, appunto, un campo sperimentale. Perciò, per chi fosse interessato, invito a visitare i link che ho fornito più sopra, dove troverete spiegazioni esaurienti sui vari argomenti!




Ed eccomi allegra e sorridente immersa nel campo di Cannabis!!!!
..... quale sarà il motivo di tanta euforia ? :DDD

Buona giornata a tutti!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno