Passa ai contenuti principali

Temporali e Contadini: ceci e cicerchie

Cliccare sulle foto per ingrandirle.

Intanto, uno scorcio della collina pugliese :)


Da qualche giorno il tempo si è stabilizzato e non piove più.
Ma abbiamo avuto giorni di intensi temporali e la campagna ne ha risentito :(((

Non oso immaginare cosa ci sia al nord, dove ancora piove...



Qualche giorno fa il signor Clemente ci ha portati a vedere i suoi campi di legumi. Ceci bianchi, rossi e neri, lenticchie e cicerchie... Le immagini fanno pensare a una situazione idilliaca, campi verdi e lussureggianti ricchi di prodotti, ma non è così...



Le piante sono state piegate dalle piogge e se non arriva subito un bel caldo secco che le asciughi e "tiri su", si rischia di perdere il raccolto :((



Eccoli qui i ceci....
   Pensate quanto lavoro per questi piccolissimi gioielli...




Vedete? Le piante vanno sollevate. Non si nota bene, ma sotto è solo fango



Queste dovrebbero essere le cicerchie.. belle vero?




Il nostro ospite in posa per mostrarci meglio i danni della pioggia.
         Vedete il fango? un po' il terreno si sta asciugando, ma...




Io, ovviamente, controllavo tutto da vicino :)



Vedete come vanno sollevate le piante? Sotto solo fango che potrebbe infracidirle. Lo so, lo so... espressione dialettale, ma rende molto meglio l'idea...

Ho molte altre foto di questa giornata, le pubblicherò in questi giorni. alla prossima!

Commenti

  1. sono delle creature che hanno bisogno di cura e di tempo mite, quest'anno strano dappertutto, qui é stata estate una settimana fà, ora é autunno, per non parlare di 20 giorni fa il diluvio universale. Speriamo di risitere a queste modificazioni climatiche e con noi anche le colture. Bel post Giulia, sento quanto amore hai per la tua terra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la natura sta andando allo sbaraglio, per colpa nostra, e va assolutamente tutelata!!

      Elimina
  2. Grazie Giulia ... le piante verdi dei ceci sono un ricordo da bambina quando anche i miei nonni erano soliti coltivarne. Mi hai ricordato anche il sapore dei ceci freschi di cui andavo matta ... Una meraviglia. E' in arrivo l'alta temperatura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Graziana, i ceci freschi sono dolcissimi!!!

      Elimina
  3. Quest'anno giugno non ci ha risparmiato temporali e acquazzoni vari. Ieri mattina, per esempio, quando sono uscita in giardino alle otto c'erano 12 gradi, una cosa da battere i denti per me che ero vestita leggera, poi nel pomeriggio e' arrivata un'ondata di caldo che non ti dico. Stamani c'era un bel sole ma adesso sta gia' volgendo al brutto e si preannuncia acqua a catinelle. Immagino la preoccupazione di chi si occupa seriamente di agricoltura; il tempo meteo e' ancora una delle poche cose che l'uomo non puo' controllare e spesso ci sono delle stagioni estremamente variabili.
    Bel servizio, Giulia! Aspetto il seguito. Tra l'altro, non avevo mai visto le piante di cicerchia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son contenta di averti fatto vedere una cosa mai vista ;) ed è vero, consumiamo, buttiamo e sprechiamo senza vedere il lavoro che c'è dietro!!! Questi uomini combattono contro tutti e tutto (non parliamo di tasse e burocrazia) per offrirci ciò di cui abbiamo veramente bisogno: cibo sano e genuino :)

      Elimina
    2. certo ... per chi svolge il lavoro all'aperto, nel settore primario è stato un problema serio.Non so quanta responsabilità abbia l'uomo sui mutamenti climatici ... Sono ottimista: speriamo in una stagione più regolare. Buona serata.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno