domenica 21 settembre 2014

Stiacciata dell' Artusi... con qualche variazione...

       
            La ricetta che vi propongo oggi è una delle mie preferite!!!

Se usate regolarmente il lievito madre, questo dolce vi permetterà di smaltirne una buona quantità in un colpo solo e di ottenere, allo stesso tempo, un dolce molto buono e delicato :))

   


    Vi anticipo subito, però, che non vi è concesso fare i furbi!!!
 Se andate a controllare la ricetta 596 dell'Artusi, quella da cui sono partita per questo dolce, vi accorgerete subito che ci vogliono 650 g di Lievito (quindi lievito madre rinfrescato o pasta da pane) a cui vanno aggiunti gli altri ingredienti (uova, burro, zucchero...) per ottenere il dolce. Ebbene, non vi fidate. Usare solo lievito madre, o avanzi vari non va bene, avrete una pasta acida, in alcuni casi poco, in altri un po' troppo.

         Consiglio quindi 2 soluzioni
  1. Per chi non usa lievito madre va benissimo partire da pasta da pane fatta con lievito di birra
  2. Oppure seguire le variazioni che ho apportato io ;)))



             Ecco a voi la ricetta. Di Pellegrino Artusi porto solo l'elenco degli ingredienti con, in rosso, le mie variazioni. Anche il procedimento è scritto di mio pugno, attendendomi ad alcune indicazioni del maestro e saltandone altre, soprattutto i lunghi tempi di lievitazione che, nelle case fredde ottocentesche erano indispensabili, ora, un po' meno, Ma le variazioni sono minime ;))


Stiacciata coi siccioli dell'Artusi Ricetta 596 (Ma io i ciccioli non ce li ho messi)

Lievito, grammi 650 (o pasta da pane fatta nel modo che preferite, anche con lievito di birra)
Zucchero in polvere, grammi 200.
Siccioli, grammi 100. (Ho sostituito con altri 50 g di burro e 50 di strutto. Quindi in totale avrete 90 g di strutto e 90 di burro)
Burro, grammi 40.
Lardo, grammi 40.
Uova, n. 5.
Odore di scorza di arancio o di limone.


  • Nel primo pomeriggio fate l'impasto in questo modo: 200 g di Lievito madre, 200 ml acqua o poco più, 250 g di farina 0. L'impasto dev'essere bello sodo, come vedete nella foto qui sopra
  • Quando l'impasto avrà lievitato (cioè tra le 20 e le 22aggiungete gli altri ingredienti; io ho fatto a mano, altrimenti usate un'impastatrice. Procedete così
  • Allargate la pasta e inserite lo zucchero e la buccia di agrumi. Cominciate a manipolare
  • Inserite le uova una alla volta e impastate. Non vi preoccupate che la pasta tenga l'incordatura, viene bene ugualmente ;) Questa volta,però, è rimasta abbastanza elastica!!
  • Alla fine aggiungete il burro e lo strutto fusi insieme o molto morbido. Se così non fosse avrebbe difficoltà ad amalgamarsi visto che il resto dell'impasto è molto morbido, se non addirittura semi liquido



  • Alla fine avrete una pasta come quella che vedete qui sopra. Notate che, cadendo dalla mano, la pasta rimane elastica, quindi ha tenuto l'incordatura.
  • Versate in una teglia di 30x22 (o simile) ben imburrata e fate lievitare tutta la notte coperta da una busta di plastica




  •  Qui sopra la pasta non ha ancora lievitato.
  • Quando sarà bello alto infornate a 150°-160° fino a doratura


Eccola sfornata!!! Sullo sfondo il Pan brioche di Laura Ravaioli cotto poco prima ;)

La spolverata di zucchero a velo è obbligatoria ;)




     
A me piace molto, ricorda decisamente il pandoro ed è molto più facile!!

             Buona Domenica, anche se è già un po' tardi!!

13 commenti:

  1. grazie dei consigli in primis, è venuto che è una meraviglia sarebbe contento anche l'artusi

    RispondiElimina
  2. Giulia è una meraviglia. Vorrei passare anch'io al lievito madre, i risultati sono completamente diversi dagli altri lieviti. Un bacio

    RispondiElimina
  3. se trovassi il lievito madre ci proverei subito !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna... Chiara... non è necessario il lievito madre ;)

      Elimina
  4. Un très beau gâteau. Bravo!!!
    A bientôt

    RispondiElimina
  5. mannaggia non avere il lievito madre, sembra sofficissima questa torta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. correggo sopra... si può fare anche senza lievito madre

      Elimina
  6. E poi non ho ragione che sei la regina dei lievitati??? Io non so se ci riuscirei….splendida e molto particolare….io il libro dell'Artusi lo possiedo, ma non l'avrei considerata se tu non l'avessi realizzata! Non ho il lievito madre, ahimè l'ho perso….ma potrei fare la pasta di riporto….complimenti Giulietta!

    RispondiElimina
  7. Bellissima non la conoscevo e mi tenta moltissimo farla. Ho perso per la seconda volta la miz pasta madre quindi volendola fare dovro utilizzare se hi ben capito 650 gr di impasto fatto con il lievito di birra e deve essere bene lievitato?....grazie Giulia per questa chicca ☺

    RispondiElimina
  8. Si Patrizia, fai una pasta da panr bella soda ;)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...