Passa ai contenuti principali

Aceto di Mele... versione n. 1



           Non avevo mai pensato di poter fare l'aceto di mele in casa, finché mi sono imbattuta in questo istruttivo post di Stefania!!!. Ho trovato il procedimento di una facilità disarmante, così mi sono decisa a provare. La cosa divertente è che, cercando cercando su google mi sono imbattuta in idromele, sidro, altri tipi di aceto... ma di questo vi parlerò nelle prossime puntate ;)
           Ora accontentiamoci di vedere come procedere per questa prima versione dell'aceto di mele.




Aceto di mele
  • Buccia e torsoli di mele (ma sarebbe meglio mele intere a pezzetti)
  • Acqua
Il procedimento è davvero semplice
  • Mettere gli scarti delle mele o le mele a pezzi in un barattolo di vetro e tenere all'aria per 2 o 3 giorni (in questo modo i batteri che contribuiranno a creare l'aceto attecchiranno sul frutto e cominceranno a fare il loro dovere ;)
  • Passati i 3 giorni riempire il barattolo con dell'acqua
  • Coprire il contenitore con una garza, ma va bene anche della carta da cucina e far riposare
  • Io ho poggiato, senza avvitare, sui barattoli i loro coperchi quando, dopo qualche giorno, cominciavano ad avvicinarsi moscerini



  • Dopo qualche giorno (anche un paio di settimane) vedrete che sui boccacci si sarà formata una patina biancastra. Nessun timore!! Non è muffa ma semplicemente la madre dell'aceto, per meglio dire una colonia di batteri buoni che serve al processo di acetificazione (vedere la foto qui sotto)
  • Passato circa un mese il vostro aceto sarà pronto!!


In questa foto si nota bene la madre dell'aceto in superficie
  • Ora non vi resta che filtrare! Prendete una bottiglie con un imbuto e un colino a maglia sottilissima oppure un panno altrettanto sottile e imbottigliate
  • Io ho usato mele locali biologiche sia rosse che gialle e ne è uscito un bel colore rosato



         Se cercate in rete troverete molte ricette, tutte più o meno simili, e qualche video esplicativo. Vi consiglio di farlo, è un prodotto davvero buono e che fa molto bene poichè ricco di potassio e sali minerali!!! Cercate in rete e anche per questo troverete tutti i benefici dell'uso di un aceto di mele genuino ;)

       Buona giornata!!

Commenti

  1. Ciao Giulia! Ti seguo da una vita!!! :)))))
    Sei bravissima e non vorrei perdere le tue idee, perciò mi unisco ai tuoi lettori fissi!
    Se vuoi passa anche tu da me...
    Buonissima settimana, Rosa

    RispondiElimina
  2. Idea portentosa! Non pensavo fosse cosi' semplice; in fondo, occorre solo un po' di pazienza...
    Buona settimana, carissima.

    RispondiElimina
  3. Noooooo... che spettacolo!!!
    MA che era così semplice fare l'aceto di mele???
    Ora mi attrezzo!
    Buona settimana, cara :*

    RispondiElimina
  4. Mi ero persa questo interessantissimo post!! Grazie cara!! Mi sa che lo faccio!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno