Passa ai contenuti principali

Kugelhupf di Pellegrino Artusi

        Ultimamente, sul web, impazza la moda del kughi (troppo difficile il nome per intero) e si stanno provando le più svariate ricette!!! Io, qualche anno fa, avevo già fatto la versione di Pellegrino Artusi e, siccome mi era piaciuta, ho pensato bene di rifarla. Non ho la mania di provare sempre nuove ricette e così, invogliata dalle esclamazioni di lodi che tutti proclamavano in favore di questo dolce, mi sono data da fare anch'io!!!!
         Ovviamente sono arrivata tardi così dovrete accontentarvi del mio kughi in un momento in cui, sugli altri blog, furoreggiano pandori e panettoni :D :D

   


Riporto la ricetta così come scritta da Pellegrino Artusi (potete anche leggerla qui) e scriverò in rosso le mie modifiche, dovute al fatto che ho usato il lievito madre anziché il lievito di birra.


Kugelhupf di Pellegrino Artusi
Farina d'Ungheria o finissima, grammi 200.
Burro, grammi 100.
Zucchero, grammi 50.
Uva sultanina, grammi 50.
Lievito di birra, grammi 30. Per me 100 g di Lievito Madre
Uova, uno intero e due rossi.
Sale, un pizzico.
Odore di scorza di limone.
Latte, quanto basta.
  • Intridete il lievito col latte tiepido e un pugno della detta farina per formare un piccolo pane piuttosto sodo; fategli un taglio in croce e ponetelo in una cazzarolina con un velo di latte sotto, coperta e vicina al fuoco, badando che questo non la scaldi troppo. (Avendo usato il lievito madre, questo passaggio non è stato necessario, ho proceduto partendo dal punto successivo, unendo il lievito madre all'impasto e facendolo lievitare tutta la notte)
  • D'inverno sciogliete il burro a bagno-maria poi lavoratelo alquanto coll'uovo intero, indi versate lo zucchero e poi la farina, i rossi d'uovo, il sale e l'odore, mescolando bene. 
  • Ora, aggiungete il lievito che nel frattempo avrà già gonfiato e con cucchiaiate di latte tiepido, versate una alla volta, lavorate il composto con un mestolo entro a una catinella per più di mezz'ora riducendolo a una consistenza alquanto liquida, non però troppo. 
  • Per ultimo versate l'uva e mettetelo in uno stampo liscio imburrato e spolverizzato di zucchero a velo misto a farina, ove il composto non raggiunga la metà del vaso che porrete ben coperto in caldana o in un luogo di temperatura tiepida a lievitare, al che ci vorranno due o tre ore.
  • Quando sarà ben cresciuto da arrivare alla bocca del vaso, mettetelo in forno a calore non troppo ardente, sformatelo diaccio, spolverizzatelo di zucchero a velo o se credete (questo è a piacere) annaffiatelo col rhum.
  • Come vedete, nella ricetta c'è un'unica lievitazione. Io ho impastato la sera e fatto lievitare. Al mattino ho steso la pasta, incorporato le uvette come da foto, arrotolato e messo nello stampo. Alievitazione avvenuta ho infornato a 150°

  

  • In questa foto si vede come ho incorporato le uvette. Avrei dovuto distribuirle meglio perché in alcuni punti erano ammassate


 
  • Qui la lievitazione, spettacolare!!! Purtroppo ho fatto un errore: Non ho aggiunto abbastanza latte da rendere l'impasto quasi liquido, come scrive Artusi, altrimenti avrebbe lievitato ancora di più. Purtroppo non ho avuto tempo e ne ha risentito anche la lievitazione visto che, un impasto più morbido, si sarebbe anche espanso di più



  • La fetta e il dolce completo sullo sfondo




Buona giornata a tutti!!!!

Commenti

  1. Complimenti Giulia è molto invitante, vorrei provare anch'io questa versione.

    RispondiElimina
  2. è un tipo di dolce che qui a Trieste è molto conosciuto, probabilmente perchè di tradizione austriaca, a me piace molto !

    RispondiElimina
  3. Sembra comprato in pasticceria! E' perfetto!
    Buonissima settimana, Rosa

    RispondiElimina
  4. Brava. Apprezzo moltissimo che tu abbia fatto il " cùguluf " ! Però
    è vero come dici tu stessa : l'impasto deve essere molto molto
    morbido, non è lavorabile a mano e si " versa " nello stampo.
    L'uvetta si mescola nell'impasto. E prima di versarlo puoi mettere
    sul fondo dello stampo delle mandorle ( pelate ).
    In tutti i casi ti è venuto benissimo e sicuramente era ottimo .
    Pensa : non l'ho mai fatto col LM ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questi ulteriori suggerimenti Ruli, li seguirò di certo. Ora tocca provare la tua ricetta ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Un vizio e un bel film

Amo i piccoli piaceri della vita e devo dire che era da tanto che non mi fodevo un buon tè coi biscotti.. Di quelliin bustina, per niente da intenditori, con una bella fetta di limone che non si mette eh?.. No no! Il tè si beve senza limone 😀😀 Bello caldo, anzi bollente, che appena lo mandi giù ti ustiona prima la lingua e poi la gola!! 😈😈 Lo so non é piacevole! É per questo che avevo a portata di mano un'ottima grappa fredda, per spegnere gli incendi causati dalla bevanda bollente 😇😇 Ehh... si... perché la grappa, o qualsiasi altro distillato, col te ci sta proprio bene 😉

E questo é il vizio


Il bel film, invece, é La Cuoca del Presidente, ispirato alla vita della vera cuoca del presidente Mitterand, al suo servizio per circa 2 anni. Non c'é da dire molto su questo film, solo che é piacevole, bello, garbato ed elegante e tra un dialogo e l'alteo vi gusterete i piatti della cucina tradizionale francese 😀 In questi giorni su Rai Play... Cin Cin!

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API