Passa ai contenuti principali

Sidro di mele dolce

         Tra ottobre e novembre del 2014 mi sono incaponita con le mele! Ci ho fatto di tutto, aceto, sidro alcoolico, qualche dolce... Ne aveva di ottime e profumate una mia amica e io ne ho approfittato ☺

         Un giorno, mentre studiavo su internet e cercavo una ricetta per il sidro alcoolico, mi sono imbattuta in diverse versioni di sidro dolce. Devo dire che la cosa mi ha colpito molto e così ho deciso di provare anche questa ricetta!




            E' una preparazione che richiede tempo, ma il prodotto che otterrete si può conservare per parecchio tempo, quindi... vale la pena provare ;) 

           Si tratta di cuocere le mele con molte spezie e per 2/3 ore. In questo frattempo la casa sarà inebriata dai profumi e voi potrete godervi, alla fine, una bevanda calda davvero ottima!!!




Sidro di Mele dolce
12 mele lavate e tagliate in quarti
 2 arance lavate e tagliate in quarti
1 noce moscata
4 pezzi di cannella (io avevo una stecca lunga e ho messo quella)
1 cucchiaio di chiodi di garofano (anche meno ;)
1 cucchiaino di pimento (opzionale, io non l'avevo)
1/2 tazza o 1 di zucchero di canna o altro dolcificante
Acqua per ricoprire abbondantemente il tutto
  • Non dovete far altro che mettere tutto in una pentola molto capiente e portare a bollore. La fiamma dev'essere media in modo che gli aromi leghino fra loro
  • Quando il tutto sta bollendo, abbassate la fiamma e fate sobbollire per 2 ore circa



  • Dopo 2 ore il prodotto si presenta come vedete nella foto qui sopra
  • Schiacciate la frutta come meglio credete e fate cuocere un altro po'
  • A fine cottura filtrate tutto da un panno di lino. Prima però fate raffreddare ;))



           Questa bevanda è davvero molto buona!!!
Tonica, digestiva e inebriante! Molto adatta per le giornate invernali, può essere imbottigliata e conservata in frigo.

      Buona Domenica!!

Commenti

  1. Interessante!
    Buona domenica :)

    RispondiElimina
  2. Hmmm.... per il prossimo autunno con le mele di mio genero !
    Ma si serve caldo ? .. visto il bicchiere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ruli, caldo. Anche se lo tieni in frigo poi lo riscaldi, ma va bene anche fresco

      Elimina
  3. Se trovo delle buone mele la provo, sennò me la segno per il prossimo anno.
    Dev'essere profumatissimo :)
    Quanto te ne viene con queste dosi?

    RispondiElimina
  4. Chissà che buono questo sidro! E che profumo!
    Complimenti!
    Buona settimana, Rosa

    RispondiElimina
  5. buona perchè profuma la casa ma anche il sapore prossimo autunno con le mie mele ci provo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno