Passa ai contenuti principali

Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver



  Ho già fatto questo pudding, con una ricetta di Stefano Arturi (la trovate qua) e mi era piaciuto moltissimo. Non lo avevo ancora rifatto, e stavo pensando seriamente di rimediare, quando in tv ho visto quel pacioccone di Jamie Oliver che preparava questa squisitezza di dolce con sua madre!! L'aspetto di questo dolce era molto diverso da quello già fatto e così ho deciso di cimentarmi. Che dire? Buonissimo, bello da presentare... da rifare assolutamente!




Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver
  4 bustine di tè al bergamotto (Io non lo avevo e ho usato te normale e buccia d'arancia e/o limone)
300 ml di acqua
  • Con questi 2 elementi preparare un tè e farlo intiepidire
  • Frullare il tè con 450 g di datteri (pesati col nocciolo), spolverata di noce moscata e cannella. Tenere da parte
Montare molto bene
170 g di burro con
170 g di zucchero grezzo di canna (quello scuro e morbido) e
170 g di zucchero di canna normale

Aggiungere, continuando a montare
  4 uova
340 g di farina autolievitante (oppure normale farina 0 e 2 cucchiaini di lievito)

Aggiungere a questo composto i datteri frullati col tè e gli aromi 
Versare in uno stampo grande imburrato e infarinato e cuocere a 180° per circa 45' (cominciate a controllare dopo mezz'ora. Io di solito cuocio anche a temperatura più bassa, regolatevi col vostro forno ;)

 Ecco il dolce crudo nello stampo. Vi anticipo che con questa dose viene un dolce davvero molto grande (lo stampo era da 28 cm, se non di più), quindi regolatevi. dimezzando le dosi si otterrà un dolce altrettanto decoroso ;)


Questo è il pudding sformato. E' davvero molto bello, un gran risultato col minimo sforzo!!

Per la Salsa
Questa è la nota dolente!! Le calorie, già al limite dell'impossibile, aumentano vertiginosamente!!...
250 g di burro
125 g zucchero grezzo di canna
125 g zucchero di canna normale
  • Sciogliere questi elementi a fiamma dolce in un pentolino
  • Aggiungere 50 ml di Rum e flambare (o lasciar evaporare)
  • Completare con 300 ml di panna. Dare un ultimo bollo alla salsa e far intiepidire

  • Pennellare il dolce con la salsa. 
Vedete come è lucido? Sembra un babà...



       
            Irrorare le fette con altra e abbondante salsa e gustarlo in tutta la sua lussureggiante bontà :)))

E' davvero una delle cose più buone che abbia mai mangiato, anche nell'altra versione, quindi vi invito a provarle entrambe!!



Commenti

  1. O mamma....ma è strepitoso...e quella salsina sarà anche un pochino calorica, ma deliziosa :)
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Guarda , quasi dietetico ...acqua e tè.... cosa vuoi che sia.... il resto è solo per
    insaporire ! O no ???

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    Ha un aspetto ottimo!
    Mi fido di te , penso che lo proverò presto!
    Bravissima!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. E menomale che Jamie Oliver si è fatto portatore della sana alimentazione (leggasi dieta mediterranea) in Inghilterra. Questo dolce è una bomba! Certo che quando si lascia andare al comfort food ci si mette di impegno.. E a me piace tanto :) Questo pudding mi piace tanto :) E fa nulla se è una bomba calorica: per una volta ci può stare :)

    RispondiElimina
  5. Mamma mia! deve essere una vera bontà!
    Mi piace Jamie...da provare!
    un abbraccio, Adele

    RispondiElimina
  6. E' meraviglioso! Me lo riservo quando faro' una pausa dalla dieta!

    RispondiElimina
  7. :-P che squisitezzaaaa...
    bravissima.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Adoro Jamie Oliver e questo pudding è molto molto invitante! Un bacio

    RispondiElimina
  9. ma che meraviglia!!!anch'io voglio provarlo mmm... ho l'acquolina in bocca!!!
    a prestooooooooooooooooo
    amo alla follia quell'uomo e ogni ricetta è uno spettacolo!!!
    Azzurra

    RispondiElimina
  10. quanti ne sa jamie oliver, è venuto una meraviglia

    RispondiElimina
  11. Strepitoso questo pudding iGulia.... prendo nota, è da rifare, grazie!!!!

    RispondiElimina
  12. Uno dei migliori puddings inglesi,sicuramente nella mia top 5. Lo faccio spesso ed e' una gioia.Talmente buono che persino la versione "industriale" del supermercato e' buona!
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. ma che particolare! lo devo proprio provare :)

    RispondiElimina
  14. un dolce coi fiocchi...Jamie ne sa una più del diavolo!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. Premetto che non sono golosa di dolci, ma solo vedendo questo pudding nelle foto viene l’acquolina in bocca! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno