Passa ai contenuti principali

Torta soffice all'arancia

          Chi mi conosce o legge ogni tanto qesto blog, sa bene che non amo ciambelle e dolci similari. Li faccio ogni tanto perchè piacciono ad altri, ma io non li preferisco.

          Certo é che ogni tanto faccio un'eccezione! Vuoi i famosi ricordi d'infanzia, vuoi un raptus maniacale improvviso... ebbene... ogni tanto mi ritrovo a desiderare proprio loro! Le detestate ciambelle!

          Devo dire, peró, che la torta di cui scrivo oggi è molto buona, soffice e profumata. Si feceva spesso a casa qualche anno fa e me ne è tornato il desiderio. L'ho fatta una sola volta quest'anno e non ho potuto fare altre foto della torta intera, ma volevo postare la ricette e quindi dovrete accontentarvi ;)))




Torta morbida all'Arancia
300 g farina 00
250 g zucchero (anche 200)
   3 uova
   1 bicchiere di plastica olio oliva (200 ml)
   2 arance, succo e scorza
   1 bustina lievito, poco latte se necessario

  • Montare molto bene le uova con lo zucchero
  • aggiungere la buccia e il succo di arancia, l'olio mescolando e alternandoli alla farina col lievito. Non è un dolce che richiede attenzione particolare, fate come per una normale torta ;)
  • Versare in uno stampo da 26 cm e infornare a 160-170° (io non metto mai a 180°.
  • A cottura ultimata, circa mezz'ora, sformate e fate raffreddare. Spolverizzate di zucchero a velo



         In questa foto vedete un dolce piuttosto alto che ho cotto in uno stampo da 24 perchè le torte mi piacciono di più se sono alte.. Non fatelo! Questo dolce è più buono se basso, forse perchè cuoce prima e non ha il tempo di asciugarsi in forno.

Da bere, l'agua fresca all'ananas del post precedente :)))

Buona serata!


Commenti

  1. Una torta deliziosa e soffice come una nuvola, la mia torta preferita...semplice e buonissima! Brava Giulia mi hai fatto tornare bambina!
    Un abbraccio e felice week end!
    Laura♡♡♡

    RispondiElimina
  2. Gentile Giulia,
    queste sono le torte che più mi piacciono....profumano di colazioni familiari.
    Questa la trovo perfetta anche per fare la Zuppa dolce alla Fiorentina, quasi quasi la preparo per questa domenica.
    Grazie della condivisione.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara anna, ora devi dirci della zuppa dolce :)))

      Elimina
  3. Che bella questa torta, è davvero molto soffice :)
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Ogni tanto occorre qualcosa che sia "come lo faceva la nonna" senza tanti fronzoli, ma molto buono in qualsiasi ora della giornata. Adoro la torta all'arancia e purtroppo non dura mai abbastanza, pizzichiamo sempre tutti.Hai fatto bene a postarla, per non dimenticare i buoni sapori. Ciao

    RispondiElimina
  5. le arance danno un profumo inconfondibile ai dolci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno