Pita?

         I pani dell'Europa orientale sono molto interessanti!
Mi riferisco a quelli sfogliati, alle pizze ripiene (pitas, famosissime quelle greche), che si producono in tutta quella parte dell' Europa ai confini con l'Asia.

         Ma si sa, fare la pasta phillo in casa è impresa ardua, soprattutto se si devono fare tante sfoglie! Così, quando ho visto che queste pitas possono essere anche arrotolate, mi sono detta che ci potevo provare ;) 

          Il procedimento l'avevo giá visto su qualche blog, ma non mi aveva appassionato... poi un giorno in tv, credo su MarcoPolo, una bella signora ceca ha preparato questo pane ripieno di feta. La ricetta non l'ha data, ma me la sono dedotta .. ;))) Comunque sia, mi è piaciuto molto, se vi va, provatelo!



Per la pasta
300 g farina
  Sale
un giro di olio
acqua necessaria ad ottenere un impasto morbido

  • Impastare e far riposare da mezz'ora in su
Ripieno
200 g di feta
  2 uova
una manciata di parmigiano
sale e pepe
  • Mescolare tutto per bene con una forchetta e tenere da parte


  • Allargare la pasta con le mani più o meno come si fa per una pizza
  • Quando è abbastanza larga posarla su una tovaglia infarinata e continuare ad allargare col dorso delle mani passandolo da sotto alla pasta
  • Quando lo strato vi sembra abbastanza sottile, con un coltellino affilato o con una lametta tagliare il bordo che sará rimasto più doppio
  • Pennellare con olio


  • Su un lato della pasta stendere il ripieno
  • Finalmente... arrotolate aiutandovi con la tovaglia!



Il ripieno si mette solo da un lato in modo chela pasta arrotolata dia un effetto sfogliato

  • Ora arrotolate il salamone su se stesso e mettete in una teglia unta d'olio. 
  • Pennellate la pita con altro olio




Cuocete a 180° per mezz'ora o più. La mia, questo caso, doveva rimanere in forno un po' di tempo in meno

Buon appetito!

Commenti

  1. è molto bello.inutile dirti che anche in grecia esistono di uguali, anche nella forma, lo sai già!!! :)
    piuttosto mi ha incuriosito il modo di tirare la pasta. avevo visto questo procedimento sul sito di vivalafocaccia per la focaccia di recco.
    sei stata molto brava, la sfoglia è veramente sottile
    un giorno lo provo questo metodo.

    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie irene, detto da te il cpmplimento vale doppio. Per tirare la pasta sono andata a senso e l'impasto è venuto molto elastico, quindi sono stata facilitata

      Elimina
  2. bravissima Giulia, ti rubo la ricetta !

    RispondiElimina
  3. La spanakopita non so da quanto dico di volerla fare. Sarà almeno un anno. Mi devo decidere! Mi fa un po' paura la preparazione della pasta che ho paura non riuscire a tirare così sottile come hai fatto tu che sei stata bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, credo che il segreto sia stato fare un impasto molto idratato che ha riposato abbastanza da diventare davvero elastico. Hi tirato molto facilmente ;)

      Elimina
  4. hai fatto un gran lavoro io non sarei mai riuscito a lavorarla cosi sottile

    RispondiElimina
  5. Ciao giulia...Artemisia ha tutta una serie bellissima di questi impasti, soprattutto una sfoglia napoletana sfogliata che appare bellissima, in cui la pasta viene spalmata/unta di strutto e poi arrotolata e stesa nuovamente:questo crea poi una deliziosa sfogliatura (io fatto diverse volte cosa simile per pani sfogliati indiani- ottimi). Comunque ammazza che bravi che siete a cucinare con il caldo che mi dicono esserci+ massimamente invidioti teglia ferro, se tale e'. Ste

    RispondiElimina
  6. Si si, la teglia è in ferro! Conosco la sfoglia di Artemisia e prima o poi la farò, ma quella donna fa talmente tante cose che non fai in tempo ad affezionarti a una ricetta che già te ne propina un'altra e dimentichi la precedente :)))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari