Passa ai contenuti principali

Fichi Caramellati

       Come al solito arrivo tardi, ma tanto si sa non sono una blogger all'avanguardia ;) Fichi non ce ne sono più e già quando gli ho fatti io era tardi! Daltronde io uso questo spazio davvero come diario e, poco importa se non sono utile alla comunitá mangereccia, scrivo per me e per ricordare ciò che mi piace.




       La prima volta che ho sentito parlare di fichi caramellati è stato su Coquinaria (qui uno dei tanti link a riguardo).  Sono ottimi coi formaggi stagionati, ma anche sul gelato e forse in qualche plum cake.. dovrei provare...

       Un altro blog dove ci sono molte indicazioni su questi fichi è quello di Bruna. Vi conviene dare un'occhiata, lei è molto precisa e le foto sono bellissima, non una cialtrona come me :)))




Io ho fatto così

Fichi caramellati
  1 kg di fichi (ci vorrebbero i neri, ma ho usato i bianchi)
500 g di zucchero
  2 bicchieri aceto di mele
  1 bicchiere d'acqua
Vaniglia, cardamomo, cannella
  • Mettere zucchero, acqua, aceto e aromi in padella.
  • Portare a bollore facendo sciogliere lo zucchero
  • Abbassare la fiamma e aggiungere i fichi mettendoli dritti
  • Far bollire a fuoco dolce per 2 ore circa
  • Invasare bollenti
Sono ottimi!!


Commenti

  1. Dai non preoccuparti, la ricetta è pronta e salvata per la prossima raccolta. Grazie. Buona domenica. Ciao
    Stefania

    RispondiElimina
  2. Sono una cialtrona anch'io! Da un mese devo mettere la versione 2 dei fichi caramellati, che secondo me sono anche migliori, e non l'ho ancora fatto!!

    RispondiElimina
  3. Bruna, ma come? Anche quest'anno ho invasato una piccola produzione di fichi caramellati fatti con la tua ricetta e tu ne avevi in serbo un'altra, per giunta migliore?!?
    Sdeng (faccina che sviene).
    PS in quanto a tempestività, ho appena finito di scrivere una lunghissima ricetta che tenevo in sospeso da...udite udite...agosto 2014 :-0

    RispondiElimina
  4. bella ricetta, diciamo subito, anche io pubblico sempre dopo, perche le ricette bisogna farle e poi scriverle, comunque da me si trovano ancora i fichi però vengono dalla Turchia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno