Passa ai contenuti principali

Castagne... Sciroppate...

        Trovate ancora castagne dalle vostre parti?
Spero di si, perché quelle che vi propongo oggi vanno preparate per tempo per essere mangiate a Natale. 

        Sono una stuzzicheria dolce da servire con biscotti e pasticcini, ma ci vuole tempo, bisogna aspettare che lo sciroppo le ammorbidisca, altrimenti rischiate che siano durette ;)




Castagne conservate in sciroppo
  • Arrostite le castagne, come caldarroste, e pulitele dalla buccia
  • Fate uno sciroppo bello denso (500 ml acqua e 300 zucchero, anche di più) profumandolo con qualche spezia
  • Mettete le castagne in un barattolo di vetro, spruzzatele con un po' di rum e copritele con lo sciroppo bollente.
  • Incoperchiate e conservate
N.B non esagerate con le spezie.. io l'ho fatto perché le adoro, ma ho trovato il gusto dello sciroppo pungente. Un po' di vaniglia e cannella vanno bene, no cardamomo o chiodi di garofano, preferite aromi dolci ;)

        É tutto... alla prossima :))))


Commenti

  1. Io ho visto dei bei marroni ancora in vendita e pure le castagne. Questa idea e' deliziosa e fai bene a raccomandare prudenza con le spezie.A volte, se si esagera, si rischia di rovinare tutto.
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  2. Ma che bella idea! Complimenti Giulia, sei troppo brava!
    Kiss Rosa

    RispondiElimina
  3. giulia, innanzitutto: bene che dopo la "stanchezza blog" a cui accennavi mesi fa sembra, a giudicare da tutto quel pane et altre cose golose, che ti sia tornata voglia di condividere cose buone-belle + domanda: io sono una bestia cole castagne: proprio ieri buttato tre quarti della pentola delle-avrebbero-dovuto essere-caldarroste. tu come le fai? non dare nulla per scontato e racconta? come le tagli (fai una croce o tagli un taglio circolare attorno alla pancia?), che pentola usi? in forno o sul fuoco? ecc... grazie (dato che vorrei provare queste tue castagne candite). grazie, ciao, stefano

    RispondiElimina
  4. É vero Stefano, mi é tornato il reip delle condivisioni ;) Dunque, per le castagne, se devo fare caldarroste faccio una semplice croce, cuocio per 5/6 minuti a fiamma alta con la croce rivolta sulla pentola in modo che la buccia si apra e un po' si abbrustoliscano, poi abbasso la fiamma al minimo, incoperchio e faccio cuocere per una decina di minuti o finché mi sembrano tenere. Questo in teoria. Nella pratica le cose sono meno semplici come tu giustamente dici. Molte volte la pellicina interna é talmente infilata nel frutto che qualsiasi metodo é superfluo e per mangiare la castagna bisogna sbriciolare tutto.

    Per questa ricetta si può seguire un altro metodo: fare la solita croce e tuffare le castagne poche alla volta per pochi minuti in acqua in ebolizione. Dopo la buccia se ne viene facilmente. Ma anche in questo caso non é sempre facile, molte castagne davvero non riescono a staccarsi dall'involucro :(((

    Spero di esserti stata utile

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno