Passa ai contenuti principali

Pan co' Santi

          Il pan co' santi è una delle preparazioni tipiche regionali della nostra bella Italia. Fieramente toscano, squisitamente ottimo, bello a vedersi.... in poche parole, buono! Non

        Non lo avevo mai preparato quando, il giorno dei santi di questo mese, vado a casa di un'amica e c'é una simpatica signora che gliene ha portato un pezzo. Ovviamente lo assaggio anch'io e lo trovo buonissimo ;) Non chiedo la ricetta, non lo faccio mai, tanto so che in giro per il web troverò una miriade di suggerimenti :)))))))





         Ed é così che, girovagando tra siti e blog, mi accorgo che ci sono 2 modalitá principali per preparare questo pane: uno prevede l'uso del vino, l'altro no, ma forse é più speziato visto che, in alcune ricette, sono previsti semi di anice. Vi saprò dire, perché conto di fare anche quello!

           Per il momento ho provato la versione con vino nero, per il semplice motivo che il pane che ho assaggiato era scuro e quindi, di certo lo prevedeva. Le ricette rintracciate erano tutte molto simili tra loro e non poteva essere altrimenti visto che si tratta di una pasta da pane arricchita con elementi che la vestano a festa.

            I santi sono le noci e l'uvetta che arricchiscono le pagnotte e questa cosa mi ha fatto pensare alla mandorla che noi  pugliesi mettiamo nei fichi secchi e che rappresentano l'anima del corpo. Qui spiego meglio.




Alla fine, per preparare questa ricetta, ho seguito le dosi di Giulia, vera toscana doc, ma ho proceduto diversamente perché volevo usare il lievito madre.

Pan co'Santi
500 g farina 0
250 ml d'acqua
  70 ml vino rosso
 1 cucchiaio di zucchero
 Una presa di sale
100 g circa di uvetta fatta rinvenire
100 g circa di gherigli di noci
100 g pasta madre
  • Dopo pranzo impastate la pasta madre con 200 gdi farina e l'acqua necessaria ad ottenere un panetto sodo
  • A sera aggiungete la farina restante, l'acqua, il vino, lo zucchero e il sale
  • Impastate per bene e alla fine completate con noci e uvetta
  • Date la forma al pane (io ne ho fatto uno grande ma sarebbe meglio 2 più piccoli) e mettete a livitare. Se fa caldo é meglio tenere in frigo
  • Al mattino troverete il pane lievitato. Se é pronto infornate, altrimenti aspettate il tempo necessario, soprattutto se dovete tirarlo fuori dal frigo e infornate a 180° per 45' circa
  • Come al solito, per il forno, ognuno si deve regolare in base all'esperienza ;))
 Buona serata e alla prossima!


Commenti

  1. Una ghiottoneria da preparare anche a Natale.In effetti, di questi pani dolci se ne trovano un po' in tutta Italia; cambiano il nome ma si somigliano negli ingredienti.

    RispondiElimina
  2. Visto che uso normalmente il lievito madre e che finora col vino rosso ho fatto solo dolci, te lo copierò brutalmente.... °_*

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno