Passa ai contenuti principali

Pane ai Cereali

      Ultimamente ho ripreso a panificare con una certa regolaritá... sono contenta. Il pargolo/ometto gradisce ed evito quei panini mollicci del super che prima la facevano da padroni in casa ;)). La ricetta di oggi é, più che altro, un metodo. Si tratta di usare pochissimo lievito madre e avere un risultato perfetto!

       La ricetta che vi propongo oggi è della signora Rina de Santi che l'ha scritta su un gruppo facebook (non ricordo quale) e il pane che ho fatto io é esattamente quello della sua ricetta. Ma ho provato questo metodo con altre ricette e i risultati sono sempre sbalorditivi!





Pane ai Cereali di Rina de Santi
300 g farina 0
300 g fatina ai cereali (o altro tipo)
400 ml acqua
  Sale
  10 g lievito madre (ne ho messo una cucchiaiata quindi sará stato almeno 20 g)
Evengualmente un po'di malto
  • In una ciotola capiente fate la fontana con la fatina, cospargete di sale e mettete al centro il lievito madre e il malto
  • Cominciate a impastare partendo dal centro, passate sulla spianatoia e lavorate per bene
  • Fate lievitare
  • La sera fate 3 giri di pieghe a distanza di mezz'ora, date la forma e mettete a lievitare in un cestino apposito
  • Al mattino capovolgete il pane nella teglia infatinata e infornate
  • Per la cottura regolatevi col vostro forno. Di solito si consiglia i primi 10/15' a 220°, poi a 180 circa
  • Per il mio forno é meglio cuocere per un'ora a 180', di cui gli ultimi 10' direttemente sulla griglia, fuori dalla teglia





     Il pane che avrete é molto buono e profumato, fragrante e ben alveolato. Altamente consigliato!

         Buona domenica!

Commenti

  1. sembra ottimo veramente. una domanda: la prima lievitazione fino al consueto raddoppio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene, nel mio caso ha raddoppiato, ma in quei giorni faceva ancora caldo. Credo che potrebbe anche non raddoppiare.. con così poco lievito ciò che conta è che l'impasto maturi e poi durante la notte la lievitazione ;)

      Elimina
    2. pane fatto con 10 grammi di lievito madre solido...impasto diretto senza autolisi e senza nessun prefermento
      Di Rina De Santi

      Il pane di Rina

      al mattino impasto 600gr. di farine che abbiano almeno l'11-12% in proteine ( a me piace meta' farina 0 e meta' ai 7 cereali...mantenete sempre invariata la quantita' di farina 0 mentre l'altra la potete sostituire con le farine che preferite)...
      con 400gr. di acqua + 10 gr. di lievito madre solido (anche esubero)...
      + un cucchiaino di malto o zucchero + un cucchiaino di sale.....
      impasto chiuso e a riposo nel forno chiuso e spento ...
      a sera dopocena capovolgere l'impasto e fare 2/3 serie di pieghe ogni 30/40 minuti....
      poi formare il pane e metterlo sul panno infarinato contenuto nello scolapasta.....
      ben chiuso lo lascio sul balcone cosi' il freddo della notte ne controlla la lievitazione.....
      al mattino capovolgo e inforno


      inforno su refrattaria con pentolino di acqua x il vapore a 250° x i primi 10 minuti

      poi abbasso a 200° x 15 minuti

      di nuovo abbasso a 160° x 30 minuti con lo sportello a spiffero negli ultimi 10 minuti ( serve a far uscire l'umidita' x far meglio asciugare il pane )

      se inforno + filoni o se è un solo impasto doppio prolungo la cottura fatta a 160°

      durante la cottura non apro mai lo sportello neanche x togliere il pentolino di acqua xchè abbassando la temperatura del forno l'acqua smette di bollire e non continua il vapore


      comunque è un dato di fatto che se la quantità di lievito è al disotto della media (15% 10%) i lieviti riescono a riprodursi meglio. Un 'alta concentrazione rallenta la loro riproduzione dovuta anche a una maggiore concentrazione dei prodotti di scarto.


      Elimina
    3. in inverno dall'impasto alla cottura 24 ore a t.a....in estate con la stessa ricetta si impasta al mattino...pieghe dopopranzo e cottura x cena

      Elimina
    4. Grazie per il tuo contributo, rina ;)

      Elimina
  2. Un pane fantastico, complimenti sarà sicuramente meraviglioso e profumato!
    Dolcissima domenica!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  3. Che bella pagnotta!Con la farina ai cereali faccio i panini con LDB all'olio.Ma con il LM e' altra storia...ma non ho pazienza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Elisabetta, io per la pazienza vado a periodi ;)

      Elimina
  4. Bello bello, sicuramente buono! A me è la crosta che viene sempre pallida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sará mica il forno che non ti scurisce il pane? Grazie ;)

      Elimina
  5. Bello il tuo pane! Anch'io ultimamente mi sono appassionata al pane, quello fatto in casa con il lievito naturale è tutta un'altra cosa. Buona serata

    RispondiElimina
  6. Immagino questo sia buono e profumato, è davvero ottimo!!!
    Buona serata Giulia

    RispondiElimina
  7. I giri di pieghe consisterebbero nel portare i lembi dell'impasto verso il centro, ripetendo tre volte l'operazione a distanza di mezz'ora ogni volta ?

    RispondiElimina
  8. Ti e' venuto benissimo quel pane! Praticamente ci metti due giorni per averlo ma ne vale proprio la pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma noo.. un solo giorno ;D comincio al mattino e finisco il mattino seguente. Oppure uso più pasta madre, massimo 100 g, e impasto la sera per cuocere a mattino inoltrato

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Un vizio e un bel film

Amo i piccoli piaceri della vita e devo dire che era da tanto che non mi fodevo un buon tè coi biscotti.. Di quelliin bustina, per niente da intenditori, con una bella fetta di limone che non si mette eh?.. No no! Il tè si beve senza limone 😀😀 Bello caldo, anzi bollente, che appena lo mandi giù ti ustiona prima la lingua e poi la gola!! 😈😈 Lo so non é piacevole! É per questo che avevo a portata di mano un'ottima grappa fredda, per spegnere gli incendi causati dalla bevanda bollente 😇😇 Ehh... si... perché la grappa, o qualsiasi altro distillato, col te ci sta proprio bene 😉

E questo é il vizio


Il bel film, invece, é La Cuoca del Presidente, ispirato alla vita della vera cuoca del presidente Mitterand, al suo servizio per circa 2 anni. Non c'é da dire molto su questo film, solo che é piacevole, bello, garbato ed elegante e tra un dialogo e l'alteo vi gusterete i piatti della cucina tradizionale francese 😀 In questi giorni su Rai Play... Cin Cin!

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API