Passa ai contenuti principali

Pranzo vegano e pane alla zucca :))


       Quando preparo questi piatti mi vengono in mente i vegani farlocchi, quelli che farebbero di tutto per salvare un animale, che camminano emaciati e con gli occhi tristi e che usano la scusa del veganesimo per mettersi a dieta! In genere sono donne, ma anche uomini ;))





      Stessa cosa dicasi per la gente che non mangia pasta o pane, alcuni dichiarano una falsa intolleranza, altri si sentono gonfi... hanno solo gli occhi tristi e gonfi ;) Va bé, ma c'é la polenta, ę la mia risposta, o il riso.... invece ai falsi vegani rispondo che possono sempre mangiare un bel piatto di pasta e fagioli!!

        Ovviamente i veri vegani o intolleranti sono persone serie e simpatiche, mangiano bene e non sono noiose !

     

   
    Tutto questo per dirvi che l'altro giorno, coi primi freddi, ho preparato un bel piatto di fagioli con i cavatelli , l'ho fatto cremoso frullando parte dei legumi perché avevo deciso che quella cremina di fagioli sarebbe andata molto bene con una nuova versione del solito pane alla zucca!



       
       Per il pane ho seguito le indicazioni che trovate in 
questo post, lasciando immutati gli ingredienti del pane alla zucca.




Spiego meglio: la differenza consiste solo nell'usare 10 g di lievito madre, o anche qualcosa in più e procedere come segue
  • Impastare tutti gli ingredienti al mattino
  • La sera fare qualche piega, dare la forma al pane e mettere a lievitare in un cestino per pane
  • Io ho usato uno scolapasta con un canovaccio infarinato, a dire il vero insemolato ;)
  • Al mattino la pagnotta sará bella lievitata
  • Ribaltare su una teglia da forno e cuocere a 200° per 10 minuti circa e poi a 180°.. ma regolatevi col vostro forno





Questa pagnotta é bella, buona e con la crosta scrocchierella, l'ho fatta varie volte e il risultato non cambia!

       Alla prossima e buon appetito!

Commenti

  1. per un certo periodo, un anno intero, parecchi anni fa ho seguito rigorosamente l'alimentazione macrobiotica, conseguentemente ho conosciuto della gente che la praticava. molti di noi, privandoci di alcuni cibi che non avevamo le conoscenze necessarie per sostituirli sapientemente e avere una alimentazione completa, cercavamo spasmodicamente dei dolci; con farine integrali ovviamente, zucchero di canna o miele, etc. ma l'esigenza era così forte che personalmente ho compreso che non si può improvvisare. dopo un anno sono tornata alla mia alimentazione che comprende tutto,ma con misura.
    detto questo, il tuo pane è bello, sicuramente buonissimo.

    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Irene, era proprio quello che intendevo :) grazie del tuo contributo

      Elimina
  2. Complimenti! IL TUO PANE E' FANTASTICO. BEN LEVITATO E con una bellissima alveatura. Da copiare ma, ho i miei dubbi che ci riesca. Appena posso ci provo. Un caro saluto Anna

    RispondiElimina
  3. Grazie Anna, molto gentile :)) se ci provi fammi sapere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno