Passa ai contenuti principali

Riso al Latte e frutti di bosco



     Avete per caso comprato il numero di Dicembre di A Tavola?

Nooo..oooo?!?!

      Peccato, vi siete perse un bel giornale di cucina! Dolci di Natale dal mondo, panettoni, pranzi tipici... e infine il mega articolo di Annalena De Bortoli sulla cucina natalizia dei Paesi Nordici.





         La signora Acquaviva ha una competenza culinaria fuori dal comune e ci porta nel mondo di renne e folletti attraverso storie, pietanze dolci e salate, usi e abitudini in cui un determinato piatto si evolve.... davvero un gran lavoro il suo, tutto da leggere :)

          Incuriosita com'ero dalle notizie che ci forniva, ho subito voluto provare il riso al latte. Chi di noi non lo conosce e lo ama?
Con la cannella e qualche mandorla é il comfort food per eccellenza! Basti anche pensare alla descrizione che ne fa Isabel Allende nel suo Afrodita




     Come potete vedere dalle 2 foto qui sopra, la ricetta sembra molto lunga, in realtá Annalena ci descrive varianti, riutilizzo, nomi che cambiano da uno Stato all'altro dei Paesi scandinavi.. tutte variabili molto interessanti che proverò nel tempo. Per questa volta mi sono limitata a fare a modo mio, riutilizzando un riso semi-cotto che avevo nel frigo e trasformandolo in una delizia :) Ocviamente sono andata a occhio e a naso




       Ebbene: bollite del riso a chicco tondo prima in acqua (pochi minuti) e completate nel latte con zucchero e aromi, non possono mancare cannella e buccia di limone. Il tutto deve diventare cremoso. Mettete il composto in coppette e guarnite con una salsa ai frutti di bosco (fruttini e zucchero a gusto). L'ideale sarebbe una salsa alle ciliege, ma non é stagione e questa variante é molto buona!

         Non avevo mai mangiato il riso al latte coi frutti rossi e devo dire che l'abbinamento mi é piaciuto molto.. provate!

     Felice serata a tutti!

Commenti

  1. Molto interessante ma, del resto, quando ci sono di mezzo i frutti di bosco tutto diventa piu' buono. Io li adoro. Pensa che ho visto la rivista stamattina ma l'ho lasciata sullo scaffale perche' mi sembrava decisamente in formato "sottiletta", con pochissime ricette. Domani la sfogliero' con maggior attenzione ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eugenia, per una esperta come te non c'é niente di nuovo. Però é fatta particolarmente bene e i dolci della tradizione natalizia o altri piatti sono davvero interessanti. Ma devo dire che l'articolo di Annalena sulla cucina del nord europa é tutto da leggere, molto bello!

      Elimina
    2. Eugenia, per una esperta come te non c'é niente di nuovo. Però é fatta particolarmente bene e i dolci della tradizione natalizia o altri piatti sono davvero interessanti. Ma devo dire che l'articolo di Annalena sulla cucina del nord europa é tutto da leggere, molto bello!

      Elimina
  2. Io sono ...bastian contrario! Nooo, riso al latte nooo, mai più!
    Mi ricorda troppo la guerra e i sapori obbligati del dopo-guerra..

    RispondiElimina
  3. Capisco molto bene Daniela... é lo stesso motivo per cui mia nonna odiava i legumi..

    RispondiElimina
  4. sono cresciuto a riso al latte :-)) è un dessert a cui non so rinunciare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno