Passa ai contenuti principali

Oggi a pranzo

       É un po' che non pubblico ricette.
Per certi aspetti non ho voglia di farlo (anche se ne ho 2 o 3 che meritano), un po' perché sto cucinando davvero poco, l'indispensabile per sopravvivere.

      Oggi mi sono voluta divertire e ho fatto queste


Cavatelli e cime di rapa
     
       Buonissimi, un must della cucina pugliese!
Il procedimento lo trovate qui, anche se in quel caso ci sono le orecchiette ;) Usare orecchiette o cavatelli comprati, non vale :D A quel punto meglio gli spaghetti!



Pane semi integrale...

    ....... nel senso che ho usato un po' di farina integrale e farina 0. Ho proceduto a occhio, ma se volete qualcosa di simile, guardate qui ;)  anche se, in quel caso, la farina è ai cereali. 

         Buon pomeriggio e buona serata a tutti!

Commenti

  1. spettacolari...un primo completo che soddisfa occhi e palato

    RispondiElimina
  2. Ti capisco, anch'io sono poco attiva e in cucina e sul blog. Questi piatti della tradizione sono imperdibili.

    RispondiElimina
  3. Cara Giulia, si tratta di un nostro piatto intramontabile! Non mi stancherei mai di portarlo sulla mia tavola! :)
    Un bacio, Rosa

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire voglia!!! da fare al più presto come te cioè con le vere cime di rapa, qui erroneamente le orecchiette con le cime di rapa vengono fatte con i broccoletti siciliani buoni lo stesso ma non sono la stessa cosa!

    RispondiElimina
  5. Mmmmmh ... Sento il profumo e assaporo ...

    RispondiElimina
  6. Peccato tu non abbia molta voglia di pubblicare sul blog perché proponi sempre ricette gustose e interessanti. Di questo piatto gradirei doppia porzione: che bonta' !
    Hai ragione, la pasta industriale e' poca cosa di fronte a quella artigianale.

    RispondiElimina
  7. i cavatelli sono un classico ora è il periodo giusto per le cime di rapa

    RispondiElimina
  8. ... cime di rapa: qui costano una follia + mentre su orecchiette e cavateli fatti in casa... confesso... NO. (anche se ho nella mia lista un cavateli maker, aggeggio catricchio visto su amazon US): anni fa ho lavorato in un ristorane italiano qui a londra, buono e famoso: un giorno mi hanno messo alla pasta station a fare orecchiette, con pasta fredda da frigo e durissima... sai che mi si sono spaccati i diti a furia di "orecchiare2 (ovviamente io ho pessima tecnica di base, questo va detto): da allora orecchiette, strascinati e simili sono entrati nel mio libro nero....oddio, anche vero che solo gli idioti non cambiano idea. quindi magari... grazie G. ciao, S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, le orecchiette sono più complicate da fare, anche se con pasta fredda di frigo mi sa che ti è andata proprio male ;) i cavatelli sono facili, i pasto di semola, fatyo a tocchetti e arrotolati col pollice, anche se, in veritá, va fatyo col dito medio, mia nonna era categorica :)))) mi fermo qui, potrei diventare volgare senza rendermene conto !

      Elimina
    2. Stefano, le orecchiette sono più complicate da fare, anche se con pasta fredda di frigo mi sa che ti è andata proprio male ;) i cavatelli sono facili, i pasto di semola, fatyo a tocchetti e arrotolati col pollice, anche se, in veritá, va fatyo col dito medio, mia nonna era categorica :)))) mi fermo qui, potrei diventare volgare senza rendermene conto !

      Elimina
  9. Che bel piatto gustoso, adoro le cime di rapa!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno