Passa ai contenuti principali

Basbousa

         Avevo fatto solo una volta questo dolce quadrettato e non mi era piaciuto particolarmente: buono, ma niente di che. Eppure intuivo che si trattava di un problema di ricetta perchè le premesse c'erano tutte per avere una prelibatezza. E difatti l'ho voluto riprovare con una ricetta di Claudia Roden! Nessuna più di lei è affidabile per le ricette mediorientali ;)





          Ecco dunque la ricetta di un dolce semplice da realizzare e al tempo stesso buono, profumato, sciropposo e mandorloso (ho esagerato con gli aggettivi, ehhh? :))))

Basbousa bil laban zabadi, con yogurt di Claudia Roden

Sciroppo
1,5 tazze di zucchero
1/2 tazza di acqua
Succo di mezzo limone

  • Cuocere e fare uno sciroppo denso. Io ho aggiunto un pezzetto di zenzero e buccia di limone, ho fatto bene.
Per il dolce
1,5 tazze di semolino
125 g di burro +125 g di burro
1/2 tazza di mandorle spellate, tostate e tritate
1,5 dl di yogurt
  1 tazza di zucchero
  1 cucchiaino lievito per dolci
Aroma vaniglia
  • Mescolate bene lo yogurt con lo zucchero e aggiungete solo 125 g di burro fuso e gli altri ingredienti
  • Versare il composto abbastanza denso in una teglia rettangolare imburrata e cuocere a 190° per 30'. Io ho tenuto il forno più basso
  • Irrorate il dolce con lo sciroppo e tagliate a losanghe
  • Mettete in forno altri 3'
  • Servitelo versandovi gli altri 125 g di burro fuso e molto caldo e servendo il dolce con mascarpone e panna montata densa
          Io ho omesso gli ultimi 125 g di burro per dimenticanza, ma non me ne dispiace, era buono lo stesso ;)





      Consiglio caldamente di provare questo dolce, è molto buono e profuma di primavera.

Commenti

  1. Un dolce golosissimo, da rifare, grazie Giulia!!!!

    RispondiElimina
  2. ! coincidenza... prima che arrivassi qui per il solito giro di ricognizione blog, avevo proprio messo (ieri) questa torta nella mia lista TO DO. grazie per avermi ricordato la Roden. ora confronto la sua versione con quella sicuramente più ricca di Ottolenghi... pensavo anche di sperimentare con fioretto farina gialla... sto partendo con nuovo business dolci & salati e sono in fase sperimentazione. ciao G. , Stefano
    ps: volevi dire che hai omesso il burro finale, vero?

    RispondiElimina
  3. Si Stefano, grazie per aver notato, ho omesso, infatti ;)
    Prova prova che ti tengo d'occhio! Direi che se provi con farina fioretto devi aumentare i liquidi, visto che quella ne assorbe di più. Io per ora sto meditando di usare semola rimacinata piuttosto che semolino, ti dirò

    RispondiElimina
  4. da provare e ...il nome di questo dolce e` meraviglioso
    Francesca

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno