Passa ai contenuti principali

Laban, o yogurt

       Ogni blog che si rispetti ha la sua ricetta di yogurt. 
Io non l'ho mai considerata una ricetta. Infatti, la solita zia Teresa che vive in Germania, ci svelò tantissimi anni fa come, la sua vicina di casa turca, lo preparava, praticamente tutti i giorni, con gran facilità.

        È molto semplice, bisogna far bollire 1 litro di latte e poi farlo intiepidire, quindi aggiungere un vasetto di yogurt, mescolare bene, coprire la pentola, avvolgerla in una coperta per mantenere il tepore e al mattino è pronto. Poi si conserva in frigo





        Nei periodi in cui lo mangio, trovo che sia una preparazione ottima! Ehh... si, non amo molto lo yogurt, ma quando ne ho voglia esagero;))

       In questi giorni, però, stavo leggendo un libro non di sola cucina dei coniugi Clark, La cucina Moresca, davvero molto bello e interessante e mi ha abbastanza colpito il modo in cui loro preparano lo yogurt. Il procedimento è praticamente lo stesso che uso io e tanti altri, ma c'è l'aggiunta di panna (e questa non è una novità) e qualche altro accorgimento.

       Ve la racconto.




  • Fate bollire 2 litri di latte a fiamma dolce finchè riduce di almeno 1/3. Dovete mescolare spesso, perchè il latte rischia di attaccare al fondo della pentola
  • Togliere dal fuoco, unire 300 ml di panna e far raffreddare
  • Quando il latte sarà tiepido (provare col dito) aggiungere 150 ml di yogurt
  • Coprire e far riposare per una notte, anche di più



      Questo yogurt è risultato molto morbido e denso, mi è piaciuto davvero!

      Nella foto sopra si vede una coppetta in cui il laban è davvero denso. Ebbene, otterrete quel risultato facendo scolare il prodotto in un panno di lino per una notte e più.

Buona serata a chiunque passi da queste parti!


Commenti

  1. Buono! Anni fa avevo comperato una macchinetta per fare lo yogurt, che ora ho passato alla figlia. Più o meno stesso procedimento: 1 l di latte più un vasetto di yogurt, da distribuire in 7 vasetti disposti in cellette, che vengono riscaldati ad una prefissata temperatura per un tot di tempo. Risultato: 1 vasetto di yogurt per tutta la settimana.La bontà dipende...dall'innesto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, lo yogurt di partenza è importante!

      Elimina
  2. Cremosissimo e invitante... ci affonderei un cucchiaino, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  3. Mi hai incuriosito tantissimo! La voglio provare! GRAZIE!

    RispondiElimina
  4. Deve essere spettacolare con anche la panna!!!! Bravissima e grazie per la ricetta
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Giulia è vero.Ogni blog ha la sua ricetta. Io lo preparo soprattutto d'estate perchè sono bipolare per quanto riguarda il suo consumo. un pò si e un pò no.
    la tua ricetta e la foto del risultato finale meritano la prova!
    Ti abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Monica, in estate è perfetyo con la frutta ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno