Passa ai contenuti principali

Angelica a forma di plum cake


        Qualche anno fa la torta Angelica delle sorelle Simili impazzava sul web!

Era il dolce più replicato da chi si accingeva a mettere le mani in pasta per dar vita a torte e brioches. La sua forma a corona la rendevano perfetta per i pranzi delle feste natalizie e io stessa l'ho usata come centro tavola

          Poi sono arrivati dolci e panettoni di rinomati pasticceri, farce svariate, tecniche improbabili e questo semplice dolce è andato nel dimenticatoio... ma neanche tanto, visto che sono in molti quelli che continuano a replicarla, io tra questi... ogni tanto.




           Io non la facevo da un po', ma a Natale ho voluto regalarla a 2 amiche, avevo anche fatto delle foto decenti che, mi accorgo ora, sono andate perse ;((((  Per ora dovete accontentarvi di queste, piuttosto banali, fatte come al solito in tutta fretta e postate alla rinfusa per donare questa ricetta a chi me l'ha chiesta :D


Angelica delle Sorelle Simili
Lievitino:
135 gr farina manitoba
13 gr lievito di birra
75 gr acqua   


impasto:
400 gr farina manitoba
75 gr zucchero
120 gr latte tiepido
3 tuorli 
1 cucchiaino di sale
120 gr burro

per la glassa velante:
4 cucchiai di zucchero a velo
1 chiara d'uovo

per la glassa coprente:
150 gr zucchero a velo
1 chiara d'uovo

per la farcitura:
75 gr uvetta
75 gr scorza d'arancio candita
50 gr burro fuso


  • Preparare il lievitino e, appunto, far lievitare per 2 ore circa, anche meno
  • Impastare il lievitino con gli ingredienti dell'impasto e porre a lievitare




  • Quando la pasta ha lievitato, stenderla in un quadrato e pennellarla di burro fuso
  • Cospargerla con l'uvetta e i canditi a cubetti (io solo canditi) e arrotolarla




  • Tagliare il rotolo a metà e intrecciare le due parti
  • A questo punto potete dare al torciglione la classica forma a corona che vedete dappertutto sul web, oppure mettere in uno stampo da plum cake da 30 cm
  • Far lievitare e infornare. Per le temperature regolatevi col vostro forno, io mi tengo sui 150°





Qualche considerazione: Al posto del lievitino ho usato lievito madre. Quindi ho impastato il LM con gli ingredienti dell'impasto e fatto lievitare tutta la notte. Al mattino ho farcito

Non ho messo nessuna glassa

       Questo è un dolce sempre molto buono e anche piuttosto semplice da preparare, vi consiglio di provarlo. Per essere invogliati ulteriormente vi consiglio di guardare il lavoro di altri, a me fare foto non piace ;))

Commenti

  1. L'aspetto ottimo rende bene l'idea della fragranza. Pur non essendomi ancora cimentata nel prepararla, ho avuto il piacere di gustarla, prima a poi spero di riuscirci. :)
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. Una fetta di questa delizia la mangerei anche ora!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  3. This plum cake look absolutely maravilloso Giulia!!
    Baci!

    RispondiElimina
  4. L'angelica a forma di plum cake è veramente geniale!

    RispondiElimina
  5. bella soffice! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Quello che mi e' sempre piaciuto di questa ricetta e la sua versatilita' : la si può' farcire con infiniti ingredienti, la si può fare in versione dolce o salata e sempre rimane ottima. Io la preferisco nella versione dolce, con la sua bella forma a corona e la candida glassa che la ricopre. Quanto tempo e' passato da quando fece la sua comparsa sul web e come sono cambiata io e la mia vita!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Un vizio e un bel film

Amo i piccoli piaceri della vita e devo dire che era da tanto che non mi fodevo un buon tè coi biscotti.. Di quelliin bustina, per niente da intenditori, con una bella fetta di limone che non si mette eh?.. No no! Il tè si beve senza limone 😀😀 Bello caldo, anzi bollente, che appena lo mandi giù ti ustiona prima la lingua e poi la gola!! 😈😈 Lo so non é piacevole! É per questo che avevo a portata di mano un'ottima grappa fredda, per spegnere gli incendi causati dalla bevanda bollente 😇😇 Ehh... si... perché la grappa, o qualsiasi altro distillato, col te ci sta proprio bene 😉

E questo é il vizio


Il bel film, invece, é La Cuoca del Presidente, ispirato alla vita della vera cuoca del presidente Mitterand, al suo servizio per circa 2 anni. Non c'é da dire molto su questo film, solo che é piacevole, bello, garbato ed elegante e tra un dialogo e l'alteo vi gusterete i piatti della cucina tradizionale francese 😀 In questi giorni su Rai Play... Cin Cin!

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API