Passa ai contenuti principali

Angelica a forma di plum cake


        Qualche anno fa la torta Angelica delle sorelle Simili impazzava sul web!

Era il dolce più replicato da chi si accingeva a mettere le mani in pasta per dar vita a torte e brioches. La sua forma a corona la rendevano perfetta per i pranzi delle feste natalizie e io stessa l'ho usata come centro tavola

          Poi sono arrivati dolci e panettoni di rinomati pasticceri, farce svariate, tecniche improbabili e questo semplice dolce è andato nel dimenticatoio... ma neanche tanto, visto che sono in molti quelli che continuano a replicarla, io tra questi... ogni tanto.




           Io non la facevo da un po', ma a Natale ho voluto regalarla a 2 amiche, avevo anche fatto delle foto decenti che, mi accorgo ora, sono andate perse ;((((  Per ora dovete accontentarvi di queste, piuttosto banali, fatte come al solito in tutta fretta e postate alla rinfusa per donare questa ricetta a chi me l'ha chiesta :D


Angelica delle Sorelle Simili
Lievitino:
135 gr farina manitoba
13 gr lievito di birra
75 gr acqua   


impasto:
400 gr farina manitoba
75 gr zucchero
120 gr latte tiepido
3 tuorli 
1 cucchiaino di sale
120 gr burro

per la glassa velante:
4 cucchiai di zucchero a velo
1 chiara d'uovo

per la glassa coprente:
150 gr zucchero a velo
1 chiara d'uovo

per la farcitura:
75 gr uvetta
75 gr scorza d'arancio candita
50 gr burro fuso


  • Preparare il lievitino e, appunto, far lievitare per 2 ore circa, anche meno
  • Impastare il lievitino con gli ingredienti dell'impasto e porre a lievitare




  • Quando la pasta ha lievitato, stenderla in un quadrato e pennellarla di burro fuso
  • Cospargerla con l'uvetta e i canditi a cubetti (io solo canditi) e arrotolarla




  • Tagliare il rotolo a metà e intrecciare le due parti
  • A questo punto potete dare al torciglione la classica forma a corona che vedete dappertutto sul web, oppure mettere in uno stampo da plum cake da 30 cm
  • Far lievitare e infornare. Per le temperature regolatevi col vostro forno, io mi tengo sui 150°





Qualche considerazione: Al posto del lievitino ho usato lievito madre. Quindi ho impastato il LM con gli ingredienti dell'impasto e fatto lievitare tutta la notte. Al mattino ho farcito

Non ho messo nessuna glassa

       Questo è un dolce sempre molto buono e anche piuttosto semplice da preparare, vi consiglio di provarlo. Per essere invogliati ulteriormente vi consiglio di guardare il lavoro di altri, a me fare foto non piace ;))

Commenti

  1. L'aspetto ottimo rende bene l'idea della fragranza. Pur non essendomi ancora cimentata nel prepararla, ho avuto il piacere di gustarla, prima a poi spero di riuscirci. :)
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. Una fetta di questa delizia la mangerei anche ora!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  3. This plum cake look absolutely maravilloso Giulia!!
    Baci!

    RispondiElimina
  4. L'angelica a forma di plum cake è veramente geniale!

    RispondiElimina
  5. bella soffice! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Quello che mi e' sempre piaciuto di questa ricetta e la sua versatilita' : la si può' farcire con infiniti ingredienti, la si può fare in versione dolce o salata e sempre rimane ottima. Io la preferisco nella versione dolce, con la sua bella forma a corona e la candida glassa che la ricopre. Quanto tempo e' passato da quando fece la sua comparsa sul web e come sono cambiata io e la mia vita!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno