Passa ai contenuti principali

Cocktail alla fragola, per un po' di passione





          Non trovate che tutto stia diventando noioso e stantìo?
Badate bene, non mi riferisco al fatto che non c'è niente per cui valga la pena di vivere.. al contrario! credo che questa continua ricerca di chissà quali stimoli stia rendendo le persone apatiche.

         Non va mai bene niente, non ci si accontenta di niente.... per ottenere qualcosa bisogna sforzarsi troppo.... e cerchi un lavoro e ce ne sono 100 prima di te, e ti innamori e devi contendere il pupazzo con un'altra dozzina di cuori solitarii, un viaggio costa troppo e non riesci a farlo... basta!!! Ci rinuncio!!! Resto senza lavoro né uomo dei sogni, tenetevi tutto voi...! Ma io i miei piaceri so cercarmeli ;))).. anzi.. me li creo :D





          E dunque, in questa noiosa giornata di pioggia, avevo bisogno di un po' di colore e un po' di alcool per tirarmi su! Il solo vino non bastava... avevo fragole condite con limone e zucchero e ho pensato alla mia adorata cachaca... Non mi preparo una caipirinha da troppo tempo e ho pensato di farne una con l'aggiunta di fragole!!

         Ben inteso non ho inventato niente!!! Avrò visto qualcosa del genere in televisione!




Caipirina alle fragole
Pezzi di fragola macerata in zucchero e limone
Foglie di menta
Pezzi di limone con la buccia
1 cucchiaino zucchero di canna
ghiaccio frantumato
1 tazzina da caffè di cachaca
il succo delle fragole macerate
  • Schiacciate per bene i primi quattro elementi degli ingredienti, in un tumbler capiente
  • Aggiungete abbondante ghiaccio frantumato alla meglio
  • Completate col liquore e il succo di fragola
  • Se avete cannucce è meglio ;))





          Che dire?
Ottima e colorata!!!!

        Niente di meglio per tirarsi su in queste ridicole giornate di pioggia!

E ora uscite e andate a divertirvi, che si vive una volta sola :DD!!!!

Commenti

  1. Ottima idea, è così invitante che viene voglia di assaggiare, ne berrei un sorsetto molto volentieri! ;)

    RispondiElimina
  2. Ah bravissima! Ne berrei un goccio anch'io...peccato che allatto!!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh... si! L'allattamento è un problema ;))))

      Elimina
  3. Davvero moooltooo buono!!!! lo assaggerei molto volentieri.gustosissimi!!!! Bacione Mirta

    RispondiElimina
  4. Ottima ricetta per tirare su il morale, hai ragione :-) Bacioni!

    RispondiElimina
  5. Brava Giulia, mi ci vorrebbe ora!!!!!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo non ho le fragole altrimenti l'avrei fatto subito! Mi sono iscritta, se vuoi passa da me :) http://inglouriousbananas.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno