Passa ai contenuti principali

Crêpes

          Ho aperto il frigo e c'erano 3 uova.
Che ci faccio? D'improvviso l'illuminazione... crêpes!

           Buone le crêpes, vero?
A me sono sempre piaciute! Ero ancora ragazzina quando una signora amica di mia madre le diceva che aveva fatto questi rotolini ripieni per pranzo. Io non li avevo mai sentiti nominare e chiesi a mia madre cosa fossero. Lei tagliò corto descrivendomi le crêpes alla meglio ;)  A me quel nome rimase impresso così, alla prima occasione, mi misi a scartabellare sui pochi libri di cucina che erano in casa e trovai la ricetta





      Mi si aprì un mondo!
Dolci, salate, impacchettate, arrotolate......

      Decisi che avrei provato quelle ripiene di marmellata e coperte di crema che poi andavano in forno, ma prima dovevo fare la pastella e cuocere le frittatine. Avevo 14 anni e un pomeriggio, mentre mia madre era fuori casa, decisi che avrei proceduto! Non volevo che ci fosse lei mentre le preparavo... quando mia madre cucinava io l'aiutavo, quindi ero già bravina, ma questa volta non la volevo vicino a me: quella doveva essere la mia ricetta! Anche perchè lei non le aveva mai fatte, quindi non vedevo in che modo la sua presenza potesse essermi utile.

         Preparai tutto per bene e al suo ritorno erano giá pronte!
Il giorno dopo, un dolce decisamente diverso dai soliti ;))))




       La ricetta di quel giorno non l'ho più fatta... per la pastella, in seguito, ne ho trovato una che poi non ho più cambiato, eccola.

Crêpes
  3 uova
200 g di farina
500 ml latte
Pizzico di sale
Aroma a piacere



  • Mescolare per bene le uova con la farina, cercatedi eliminare tutti i grumi
  • Cominciate ad aggiungere il latte fino ad avere una pastella liscia e morbida




  • Far riposare la pastella per un'oretta, ma non è indispensabile



  • Scaldare una padella antiaderente e ungerla appena con olio o burro
  • Versare mezzo mestolo di pastella nella padella e cuocerla




  • Girare la crêpe dall'altra parte efinire la cottura
  • Impilate le crêpes una sull'altra e fatele raffreddare



    
          Eccole pronte per essere usate...
Come? Lo sapeete più in lá ;))

         Felice serata!

Commenti

  1. Anch'io le amo! Viva le crepes!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  2. Le faccio molto spesso, ci piacciono assai. Soprattutto nella versione salata, ripiene di spinaci e ricotta, arrotolate e servite preferibilmente col sughino di un buon arrosto di vitello. Se poi ci metti vicino anche l'arrosto, è piatto unico.
    Mi vedo una ragazzina tutta intenta e concentrata a cuocere le crepes... che deliziosa immagine!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno