Passa ai contenuti principali

Latte di mandorle

         La mattina faccio sempre colazione con un frullato.
In inverno, la regola é: una banana, una fetta di ananas e latte di soia. Frullo tutto e bevo. In estate vario con la feutta, visto che ce n'é molta di più a disposizione. Adesso va molto bene banana, pesca e latte di soia... o il latte che preferite. La cosa brutta dei latti vegetali in commercio é che contengono zucchero!

         Mi dicono che ce ne sono senza zucchero, ma io non li trovo... É normale... costerebbero molto di più! Allungare il latte vegetale con acqua e zucchero fa risparmiare ;)

        Così mi sono decisa a prepararli io. Ecco a voi!





Latte di mandorle
  • Se partite da mandorle con la pellicina marrone, usatene 300 grammi. Scottatele in acqua bollente e spellatele. Altrimenti
200 g di mandorle più qualcuna amara
200 ml di acqua
  • Mettete in un pentolino e fate riposare 4 o 5 ore. Io tutta la notte.
  • Al mattino mettete il composto nel frullatore e azionate. Aggiungete pian piano altri 800 ml di acqua
  • Frullate per bene e fate riposare. Date un'altra frullata e scolate il latte attraverso un canovaccio
  • Usate come preferite
  • Imbottigliate e tenete in frigo per un massimo di 3 giorni
ATTENZIONE! Non buttate le mandorle che sono avanzate! Ci si possono fare dei biscotti! Prossimamente ;)




Commenti

  1. Una ricetta utilissima! Secondo te con lo stesso metodo si può fare anche il latte di cocco? Ho difficoltà a trovarlo in commercio!

    RispondiElimina
  2. Se non ricordo male per wurllo al cocco ci va meno acqua... cerca in rete e comunque trovo il libro su cui lessi la ricetta e ti faccio sapere ;)

    RispondiElimina
  3. grazie per la ricetta! un abbraccio lory

    RispondiElimina
  4. Aaaahhh...no no no... non mi manca che farmi anche il latte!!!!!!!
    :-) !!!

    RispondiElimina
  5. Bevo parecchio latte di soia anch'io, mi piace moltissimo ma concordo, c'è troppo zucchero! Grazie per questa utilissima ricetta!

    RispondiElimina
  6. mi deciderò! è molto più semplice di quanto credessi!!!! :)

    RispondiElimina
  7. Ciao cara Giulia e bentornata! Il latte di mandorla è fantastico, ricetta perfetta! Purtroppo qui le mandorle sono carissime ma non rinuncerò a farlo per questo, è troppo buono. Alla prossima :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, così si fa! Ma davvero molte volte i prezzi alti fanno passare la voglia di fare qualsiasi cosa..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno